MTV News

Archivio del giorno 6 settembre 2011

Donati organi del tenore Licitra, morto in un incidente

Autore: Redazione MTV News Data: 6 settembre 2011 Commenta
Donati organi del tenore Licitra, morto in un incidente

Il cantante lirico era considerato l'erede di Pavarotti

Milano, 6 set. (TMNews) - Non ce l'ha fatta Salvatore Licitra, il tenore svizzero di origini siciliane è morto ieri pomeriggio, dopo nove giorni di agonia, all'ospedale Garibaldi di Catania, dove era giunto lo scorso 27 agosto in condizioni gravissime a seguito di un incidente con lo scooter avvenuto in provincia di Ragusa.

Licitra avrebbe perso il controllo del mezzo, sul quale viaggiava insieme alla fidanzata, a causa di un malore. Gli organi dell'artista, che era nato a Berna il 10 agosto 1968, sono stati donati dalla famiglia.

Voce limpida e possente, Salvatore Licitra era nato in Svizzera da genitori siciliani, e aveva iniziato la sua carriera artistica a 19 anni, studiando all'Accademia musicale di Parma, dove seguì i Corsi Verdiani. Dall'Emilia il passo alla Scala di Milano fu breve. Considerato da molti l'erede di Luciano Pavarotti. E proprio nel 2002 il tenore scomparso oggi sostituì "big Luciano" alla Metropolitan Opera di New York in Tosca, riscuotendo l'enorme apprezzamento da parte del pubblico d'oltre oceano. Licitra si trovava in vacanza nel Ragusano per ricevere un premio ai "Ragusani nel mondo".

Dopo la constatazione della morte cerebrale, la famiglia dell'artista ha acconsentito l'espianto degli organi. Fegato e rene destro sono stati destinati a due pazienti siciliani che si trovavano in lista d'attesa. Le cornee, invece, sono state trasferite all'ospedale Cervello di Palermo, dov'è presente una "Banca degli occhi".

http://www.salvatorelicitra.com/

Cgil in piazza contro manovra, Camusso: ingiusta e irresponsabile

Autore: Redazione MTV News Data: 6 settembre 2011 Commenta
Cgil in piazza contro manovra, Camusso: ingiusta e irresponsabile

Adesione al 60% secondo in sindacato. Cortei in 100 città

Roma, 6 set. (TMNews) - Cgil in piazza in tutta Italia contro la manovra economica varata dal governo, definita "sassolutamente ingiusta e totalmente irresponsabile" dal segretario generale Susanna Camusso, scesa in piazza a Roma per la manifestazione organizzata nella Capitale. Nel giorno della mobilitazione, il sindacato ha proclamato otto ore di sciopero generale, con tempi e modalità diverse a seconda delle categorie. L'adesione dei lavoratori allo sciopero generale, ha comunicato la Cgil, è stata del 60%.

"Ricorreremo su tutte le norme anticostituzionali. Per noi la costituzione è sacra, non ce la ruberete - ha detto la Camusso dal palco - se il parlamento non stralcia l'articolo 8, useremo tutte le strade per cancellarlo". Al corteo romano hanno partecipato il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, quello di Sel Nichi Vendola e del leader dell'Idv, Antonio Di Pietro.

Tensione e qualche scontro si sono registrati ai cortei di Napoli, Milano e Torino, con lanci di uova contro le banche. L'episodio più serio a Napoli, dove otto poliziotti sono rimasti feriti in seguito all'esplosione di alcuni petardi nel corso della manifestazione indetta dal sindacato autonomo Usb e dallo Slai Cobas, parallela a quella della Cgil.

A Milano lanci di uova e di fumogeni contro le sedi e le agenzie di diverse banche sono partiti da uno spezzone degli antagonisti del centro sociale Cantiere, nel corso del corteo dei sindacati di base che ha attraversato il centro città. Anche a Torino lanci di uova contro la sede cittadina della Banca d'Italia e della Fondazione Crt.

http://www.cgil.it/

Fuga di Gheddafi dalla Libia, Niger smentisce presenza rais

Autore: Redazione MTV News Data: 6 settembre 2011 Commenta
Fuga di Gheddafi dalla Libia, Niger smentisce presenza rais

Cnt, accordo per ingresso pacifico a Bani Walid

Milano, 6 set. (TMNews) - Nessuna notizia certa sulla possibile fuga del leader libico Muammar Gheddafi in Niger: nonostante il Consiglio Nazionale di Transizione abbia confermato lo sconfinamento di un convoglio militare con oltre 200 veicoli, del rais al momento non vi è traccia, mentre fioccano le smentite dei governi interessati. Sul fonte più strettamente militare, il Cnt avrebbe raggiunto questa notte un accordo con i capi tribali di Bani Walid per un'occupazione pacifica della località.

Come confermato dallo stesso Cnt, un nutrito convoglio di veicoli civili e militari provenienti dalla Libia ha attraversato ieri sera Agadez, una città a nord del Niger: secondo alcune voci il convoglio ospiterebbe anche il colonnello Gheddafi o i suoi figli. "E' stato visto un convoglio insolito e imponente di molte decine di veicoli entrare ad Agadez proveniente da Arlit, una città mineraria vicina alla frontiera algerina, e dirigersi verso Niamey", hanno affermato le fonti, riferendo di "voci insistenti" secondo cui il rais potrebbe fare parte del convoglio.

Destinazione ultima di Gheddafi sarebbe il Burkina Faso, circostanza smentita tuttavia dalle autorità di Ouagadougou; anche il ministro degli Esteri nigerino Mohamed Bazoum ha smentito che il rais possa trovarsi nel Paese, ritenendo che le voci sull'entità del convoglio giunto nel Paese siano state esagerate; infine, il governo francese ha affermato di nona vere "alcuna informazione" sulla presunta fuga di Gheddafi in Niger.

Quanto all'accordo per Bani Walid, la notizia è stata data dalla rete satellitare araba Al Jazeera, citando fonti militari del Cnt: non vi sono tuttavia ulteriori dettagli su quando le forze dell'opposizione intenderebbero entrare nella città - roccaforte della principale tribù libica, il clan dei Warfallah - a sud di Tripoli.

http://natolibguides.info/libya

Usa, la popolarità di Obama scende ai minimi storici

Autore: Redazione MTV News Data: 6 settembre 2011 Commenta
Usa, la popolarità di Obama scende ai minimi storici

Sondaggio: solo il 43% degli americani approva la sua politica

Roma, 6 set. (TMNews) - Aumenta e tocca livelli record il pessimismo nel popolo americano sul futuro del Paese. E la popolarità del presidente Barack Obama, la cui elezione aveva suscitato tante speranze, tocca i minimi storici.

Un sondaggio del Washington Post-ABC News rileva che oltre il 60% delle persone intervistate disapprova la gestione della crisi economica da parte del presidente e soprattutto il modo in cui è stato affrontato il problema numero uno, la disoccupazione. Ad approvare la sua politica su un piano generale è appena il 43% degli americani, a disapprovarla il 53%.

Secondo gli ultimi dati diffusi venerdì, nel mese di agosto non è stato creato neppure un posto di lavoro in più e il tasso di disoccupazione è salito al 9.1% negli Stati Uniti.

Magra consolazione per Obama: secondo il sondaggio, appena il 28% degli americani è d'accordo con il lavoro svolto dai Repubblicani al Congresso nell'ultima battaglia sulla spesa pubblica Usa.

http://www.washingtonpost.com/politics/obama-ratings-sink-to-new-lows-as-hope-fades/2011/09/05/gIQAIytZ5J_story.html

Le università al top nel mondo non parlano italiano

Autore: Redazione MTV News Data: 6 settembre 2011 Commenta
Le università al top nel mondo non parlano italiano

La prima italiana, Bologna, si piazza al 183esimo posto

Roma, 6 set. (TMNews) - Le università al top nel mondo non parlano italiano. Secondo la classifica del "World university rankings" stilata dalla società Quacquarelli Symonds il primo ateneo italiano è Bologna che si piazza al 183esimo posto. La Sapienza di Roma esce invece dalla top 200. In cima alla classifica le università inglesi e americane. Unica consolazione per l'Italia: il Politecnico di Milano è tra i 50 migliori atenei tecnologici al mondo.

Le cose vanno ancora peggio secondo un'altra classifica stilata dalla rivista The Times Higher Education, nessuna università italiana figura tra le prime duecento del mondo. Gli Stati Uniti, invece, hanno decisamente i migliori atenei del mondo tanto che tra i primi duecento della lista ben 72 sono americani.

Al primo posto della classifica si piazza Harvard mentre dai dati complessivi emerge come il secondo sistema universitario dopo gli Stati Uniti è quello della Gran Bretagna.

Sempre secondo la classifica, tra i primi venti atenei del mondo uno solo non si trova negli Usa o in Gran Bretagna e si tratta dell'istituto federale svizzero di Tecnologia di Zurigo.

L'assenza dell'Italia risalta in modo particolarmente preoccupante dall'estrapolazione dei dati relativi alla sola Europa. Su 200 università al top, ben 82 sono infatti del vecchio continente ma l'Italia non piazza in classica nessun istituto.

http://www.timeshighereducation.co.uk/world-university-rankings/?gclid=CKXDuavQiKsCFQUYzQodrXpo1A

http://www.topuniversities.com/university-rankings/world-university-rankings

Venezia, la Mostra celebra Olmi e rilancia un classico inglese

Autore: Redazione MTV News Data: 6 settembre 2011 Commenta
Venezia, la Mostra celebra Olmi e rilancia un classico inglese

In concorso "C ime tempestose" dal romanzo di Emily Bronte

Venezia, 6 set. (TMNews) - Alla 68esima Mostra del Cinema di Venezia è la volta di un grande classico: in concorso sarà presentato oggi "Cime tempestose" di Andrea Arnold, tratto dall'omonimo romanzo di Emily Bronte e con protagonisti Kaya Scodelario, Nichola Burley, Steve Evets e Oliver Milburn.

La versione di "Wuthering Heights" (Cime Tempestose) riproposta al cinema, è la storia originale del libro. Il film è ambientato nelle brughiere dello Yorkshire. Un contadino in visita a Liverpool incontra per strada Heathcliff, un ragazzo senzatetto e Decide di accoglierlo in famiglia.

A Venezia torna anche un grande maestro del cinema italiano, Ermanno Olmi, che fuori concorso presenta "Il villaggio di cartone", con Michael Lonsdale, Rutger Hauer, Massimo De Francovich, Alessandro Haber. Olmi si interroga ancora una volta sul significato della fede e affronta la riflessione sulla sacralità della religione.

La trama del film ruota attorno a un vecchio prete per tanti anni parroco in una chiesa che ora non serve più e viene dismessa. Gli operai staccano dalle pareti i quadri dei santi e gli oggetti sacri più preziosi e un braccio meccanico stacca il crocefisso appeso alla cuspide per calarlo a terra come uno sconfitto. Di fronte allo scempio della sua chiesa, il prete avverte l'insorgere di una percezione nuova che lo sostiene. In concorso anche il giapponese "Himizu" del regista Sono Sion, su un quattordicenne senza grandi ambizioni che spera solo di vivere senza dare fastidio a nessuno e conduce un'esistenza tranquilla noleggiando le barche della famiglia.

http://www.biennale.org

Le donne di Bengasi

Autore: Redazione MTV News Data: 6 settembre 2011 Commenta

Anteprima di "Le donne di Bengasi"

Le protagoniste sono Ines, 23 anni, fisiatra e attivista per la rivoluzione; Mawada, 20enne e anche lei impegnata nel movimento e tutte le ragazze e le donne che nei gioni successivi alle prime sommosse si sono attivate per supportare gli insorti, per propagandare la rivoluzione e aiutare le famiglie dei caduti.

Le seguiamo mentre preparano un gruppo di bambini delle scuole elementari e medie per una manifestazione di appoggio alla rivoluzione, facendo disegnare loro cartelli e insegnando loro slogan.

Partecipiamo con loro ad una manifestazione organizzata dalle donne per dimostrare il loro appoggio e solidarietà ai poliziotti di vari commissariati di Bengasi, che nei giorni precedenti non sono andati a lavorare per paura di venir considerati ancora “pro Gheddafi”.

Ines ci fa conoscere suo padre militante convinto della rivoluzione. Ci spiega che è stato lui ad incoraggiare sia lei sia il fratello Anoos, che adesso si trova al fronte come volontario. Il padre si dice orgoglioso della loro scelta. Ines ci spiega che ha paura per il fratello ma è contenta, poi registra un video messaggio di saluti e incoraggiamento per il fratello al fronte.

Guarda le edizioni del telegiornale MTV NEWS

Dal lunedì al venerdì: 12.00, 13:00, 14:00, 15:00, 19:00
Sabato e Domenica: 16.00, 17.00, 18.00, 19:00, 21:00

Guarda gli speciali MTV NEWS

Dal lunedì al venerdì alle 23:00

Sabato alle 13:00 e domenica alle 23:00

Calendario