MTV News

Archivio del giorno 15 settembre 2011

Sarkozy e Cameron a Bengasi: Libia sia unita, troveremo Gheddafi

Autore: Redazione MTV News Data: 15 settembre 2011 Commenta
Sarkozy e Cameron a Bengasi: Libia sia unita, troveremo Gheddafi

Leader turco Erdogan rinvia viaggio a domani

Roma, 15 set. (TMNews) - Un bagno di folla ha accolto Nicolas Sarkozy e David Cameron a Bengasi, la città che è stata il cuore della rivolta contro il regime di Gheddafi. In un discorso tenuto in piazza Tahrir, Sarkozy ha ribadito la convinzione che la Libia debba restare unita ("crediamo in una Libia unita, non divisa") senza alcuna spaccatura o frammentazione tra Cirenaica e Tripolitania.

Sarkozy e Cameron provenivano da Tripoli dove hanno incontrato i dirigenti del Cnt e visitato un ospedale. In una breve conferenza stampa, Sarkozy ha invitato a preparare il futuro della nuova Libia senza vendette né regolamenti di conti ha anche ricordato che c'è "un lavoro ancora da finire". Perché Gheddafi, ha incalzato, è "ancora un pericolo". E il premier britannico ha insistito sul tema: "Gheddafi - ha intimato - faccia cessare le ostilità". E ai libici promette: vi aiuteremo a trovarlo. In Libia è giunto oggi anche il nuovo ambasciatore italiano Buccino Grimaldi, mentre è slittato a domani l'arrivo del leader turco Erdogan.

Nella sua prima visita da capo di Stato nella Libia post-Gheddafi, Sarkozy ha anche lanciato un appello a "tutti i Paesi" che danno rifugio a libici ricercati a consegnarli alle autorità collaborando con le autorità "internazionali". Mentre il premier britannico Cameron, dopo aver chiesto a Gheddafi di fermare i combattimenti ha aggiunto: "Vi aiuteremo a trovare Gheddafi e a presentarlo davanti alla giustizia". Sarkozy ha voluto sottolineare il carattere disinteressato dell'intervento internazionale (e francese) in Libia. In precedenza i due leader avevano visitato un ospedale ricevendo un'accoglienza entusiasta dalla popolazione che cantava slogan come "One, two three, viva Sarkozy".

http://www.elysee.fr/president/mediatheque/videos/2011/septembre/conference-de-presse-a-l-issue-de-la-conference.11937.html

http://www.direct.gov.uk/en/index.htm

http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/africaandindianocean/libya/8765934/Libya-David-Cameron-and-Nicolas-Sarkozy-receive-rapturous-reception-in-Benghazi.html

La Regina premia Henry Winkler, il "Fonzie" di Happy Days

Autore: Redazione MTV News Data: 15 settembre 2011 Commenta
La Regina premia Henry Winkler, il Fonzie di Happy Days

Per il suo lavoro con i bambini sulla dislessia nel Regno Unito

Milano, 15 set. (TMNews) - Fonzie premiato dalla Regina Elisabetta d'Inghilterra. Henry Winkler, l'attore che interpretava Fonzie in Happy Days, ha ricevuto nell'ambasciata britannica a Washington il premio "Order of British Empire". Nulla a che fare con le sue interpretazioni in tv o al cinema: Winkler è stato premiato per la sua campagna di sensibilizzazione sulla dislessia, malattia di cui ha sofferto.

Negli ultimi due anni, Fonzie ha girato le scuole del Regno Unito per parlare di questa disabilità dell'apprendimento: "Sono felicissimo di vedere riconosciuto il mio lavoro in questo modo e spero di poter continuare a mostrare ai bambini che non importa come apprendono, loro sono brillanti dentro", ha dichiarato in un comunicato Winkler, che è anche autore di una serie di libri per bambini, che ha come protagonista "Hank Zipzer", un giovane dislessico. Storie che sarebbero ispirate all'infanzia dell'attore e alle sue disavventure con la scuola e i bulli.

http://www.royal.gov.uk/MonarchUK/Honours/OrderoftheBritishEmpire.aspx

Emergency: abbiamo sentito Azzarà, sta bene e tiene duro

Autore: Redazione MTV News Data: 15 settembre 2011 Commenta
Emergency: abbiamo sentito Azzarà, sta bene e tiene duro

Il volontario è stato rapito il 14 agosto scorso in Sudan

Milano, 15 set. (TMNews) - Francesco Azzarà sta bene. La conferma sulle condizioni di salute del volontario di Emergency rapito in Sudan il 14 agosto scorso arriva da Cecilia Strada che è riuscita a sentirlo qualche giorno fa. Non si ha, invece, alcuna notizia su chi l'abbia rapito e sul luogo in cui viene tenuto prigioniero.

"Una settimana fa abbiano avuto un contatto diretto con lui - ha raccontato Cecilia Strada - ci ha detto che è in buona salute, per quanto possa esserlo nelle sua situazione, e che mangia, beve e tiene duro". Francesco Azzarà lavorava nel centro pediatrico aperto dall'ong a Nyala. "Francesco è una persona meravigliosa - ha continuato il presidente di Emergency, figlia del fondatore Gino Strada - mossa solo dal desiderio di rendere questo mondo un po' migliore e non da eroismi. Quello che noi stiamo facendo è un lavoro di sensibilizzazione sulla popolazione locale, con volantini in arabo con la sua fotografia che spieghino chi è Francesco e perché siamo lì".

http://www.emergency.it/index.html

In Australia una "X" sui passaporti per transgender e i trans

Autore: Redazione MTV News Data: 15 settembre 2011 Commenta
In Australia una X sui passaporti per transgender e i trans

Potranno indicarlo anche senza essere stati operati

Sydney, 15 set. (TMNews) - Maschio, femmina o "X", ovvero transgender o transessuali: il governo australiano ha deciso di autorizzare le persone che non si riconoscono pienamente nel genere femminile o maschile ad apporre una "crocetta" sulla casella di riferimento. Non solo, secondo la nuova misura, queste persone potranno scegliere il sesso che desiderano, anche senza essere stati operati.

Il ministro della Giustizia australiano, Robert McClelland, ha precisato che ai transgender o transessuali basterà una lettera del loro medico per ottenere un documento di viaggio che attesti ciò che loro considerano il loro sesso. "La maggior parte della gente pensa che il fatto di viaggiare liberamente, senza temere discriminazioni, sia ovvio. Questa misura darà agli australiani transgender o transessuali le loro stesse libertà", ha affermato il ministro. Quindi chi non si sente nè uomo, nè donna, o forse entrambi, potrà apporre la "X".

A felicitarsi della riforma la senatrice Louise Pratt, prima parlamentare australiana a fare coppia con un partner transgender, nata donna e divenuto uomo: "Ci sono numerosi casi all'estero di persone arrestate negli aeroporti dalla dogana, semplicemente perchè ciò che è scritto nei loro passaporti non coincide con il loro aspetto", ha spiegato alla radio Abc.

http://www.dailymail.co.uk/news/article-2037662/Third-sex-official-Australian-passports-gender-options--male-female-x.html?ito=feeds-newsxml

Oggi Sarkozy e Cameron a Tripoli, prima volta da sconfitta Rais

Autore: Redazione MTV News Data: 15 settembre 2011 Commenta
Oggi Sarkozy e Cameron a Tripoli, prima volta da sconfitta Rais

Per media francesi, presidente raccoglierà frutti della vittoria

Milano, 15 set. (TMNews) - Il presidente francese Nicolas Sarkozy e il premier britannico David Cameron sono attesi oggi in Libia, per la prima vista da parte di leader stranieri a Tripoli da quando i ribelli hanno preso il controllo della capitale libica.

Lo scrive il New York Times citando fonti libiche, dopo che ieri diversi media francesi avevano indicato che Sarkozy sarà oggi a Tripoli e a Bengasi. Da Downing Street non è giunta alcuna conferma del viaggio di Cameron. Sarkozy, che insieme a Cameron incontrerà i responsabili del Consiglio nazionale di transizione, sarà accompagnato del ministro degli Esteri Alain Juppé e dal filosofo francese Bernard-Henri Lévy.

La visita di Sarkozy è stata passata al setaccio dai media francesi che non hanno risparmiato critiche all'inquilino dell'eliseo. Secondo il settimanale Marianne, solo per citare un esempio, il leader francese intende raccogliere tutti i frutti della vittoria della Nato contro il regime di Muammar Gheddafi.

Il capo di Stato aveva da tempo in programma un viaggio a Bengasi, che fino ad oggi era stato sempre rimandato. Ma adesso che i ribelli del Consiglio nazionale di transizione (Cnt) hanno preso il controllo quasi totale del paese, arrivando fino alla capitale, Sarkozy ha deciso finalmente di arrivare nella città da cui è partita la rivoluzione libica.

La delegazione visiterà un ospedale a Tripoli e incontrerà i dirigenti del Cnt, Moustapha Abdel Jalil e Mahmoud Jibril. Successivamente Cameron e Sarkozy si trasferiranno a Bengasi dove è in programma un loro discorso a piazza della Libertà. Per garantire la sicurezza della missione, sono stati inviati in Libia 160 agenti di polizia francesi.

http://www.elysee.fr/president/accueil.1.html

Ocse, allarme disoccupazione giovanile: nel 2010 è al 27,9%

Autore: Redazione MTV News Data: 15 settembre 2011 Commenta
Ocse, allarme disoccupazione giovanile: nel 2010 è al 27,9%

Quasi il 50% dei giovani hanno invece un impiego precario

Milano, 15 set. (TMNews) - In Italia è allarme disoccupazione. Oltre al precariato, che riguarda quasi il 50% dei giovani fra i 15 e 24 anni, il tasso di disoccupazione giovanile nel nostro Paese è del 27,9%, in crescita rispetto all'inizio della crisi, nel 2007. Ben inferiore il tasso di disoccupazione dei Paesi dell'area Ocse, pari al 16,7%.

La fotografia dello stato di precarietà occupazionale dell'Italia arriva dall'Ocse che nell'Employment Outlook, realizzato sui dati di fine 2010, mette in chiaro quanto sia difficile per un giovane italiano trovare lavoro e stabilità.

Il 46,7% dei giovani ha un contratto precario: una percentuale cresciuta di 9 punti dall'inizio della crisi, nel 2007, quando il tasso di disoccupazione era al 20,3%. Oggi la fotografia dell'Osce dice che siamo oltre il 27%.

"L'impatto della recente profonda crisi sul mercato del lavoro in Italia è stato relativamente mite, ma la ripresa è stata lenta", scrive l'Ocse nel suo rapporto, spiegando che il tasso di disoccupazione italiano è cresciuto di 2,5 punti percentuali tra l'inizio della crisi (secondo trimestre 2007) e il primo trimestre del 2010, quando ha raggiunto l'8,5%. Da allora, tuttavia - scrive l'Ocse - la ripresa è stata lenta. Il tasso di disoccupazione è sceso di solo mezzo punto percentuale in Italia, in linea con il lento calo visto nell'area Ocse.

"Il recente rallentamento della ripresa economica nell'area euro - si legge - suggerisce che la disoccupazione italiana resterà al di sopra del suo livello pre-crisi per un certo tempo".

http://www.oecd.org/home/0,2987,en_2649_201185_1_1_1_1_1,00.html

Facebook, slitta l’Ipo, Zuckerberg preferisce attendere fine 2012

Autore: Redazione MTV News Data: 15 settembre 2011 Commenta
Facebook, slitta l'Ipo, Zuckerberg preferisce attendere fine 2012

Era prevista per aprile prossimo, per Financial Times slitterà

New York, 14 set. (TMNews) - Wall Street può attendere. Slitta la quotazione del social network più in voga del momento, Facebook. Il gruppo di Mark Zuckerberg non approderà in Borsa prima della seconda metà del 2012. Lo hanno riferito alcune fonti al Financial Times.

Lo scorso gennaio la società aveva consegnato un documento di 100 pagine ai potenziali investitori, annunciando un possibile approdo sul listino americano nell'aprile 2012. Secondo il quotidiano finanziario il golden boy di Facebook avrebbe deciso di far slittare l'operazione: aspetterà almeno fino al prossimo settembre se non fino all'inverno prima di decidere il da farsi con quella che qualcuno considera l'Ipo del secolo.

Non è difficile capire il motivo di tanta prudenza. Da Groupon, società specializzata nella vendita di coupon per effettuare acquisti a prezzi scontati, a Zynga, che sviluppa videogiochi per social network, passando per Linkedin, il social network orientato al mondo degli affari, l'avventura in Borsa non è cominciata in modo brillante a causa delle turbolenze sui mercati.

E gli esperti di mercato annuiscono. Come osserva Lise Buyer, consulente che ha lavorato alla quotazione di Google, Facebook non ha alcuna fretta perché non necessita di risorse finanziarie. Meglio quindi a suo avviso aspettare tempi migliori. Anche per Peter Thiel, candidato investitore di Facebook, la decisione di Zuckerberg è comprensibile e soprattutto "una mossa competitiva da stratega".

http://www.facebook.com http://www.ft.com

Calendario