MTV News

Archivio del giorno 5 aprile 2012

Lega, Umberto Bossi si è dimesso travolto dalla scandalo Belsito

Autore: Redazione MTV News Data: 5 aprile 2012 Commenta
Lega, Umberto Bossi si è dimesso travolto dalla scandalo Belsito

Il leader storico del Carroccio lascia la carica di segretario

Roma, 5 apr. (TMNews) - Umberto Bossi si è dimesso da segretario della Lega Nord. La notizia è arrivata mentre emergeva l'ipotesi che il Senatur avesse "dato dei soldi in nero al partito", e che il figlio Renzo "portò via alcuni documenti da via Bellerio, probabilmente relativi ai lavori di ristrutturazione di un'abitazione" e che alcune somme del partito siano state elargite "alla famiglia di Bossi e ad altri soggetti, come Roberto Calderoli e il Sindacato Padano".

In alcune telefonate intercettate tra l'ex tesoriere del Carroccio, Francesco Belsito, indagato per truffa ai danni dello Stato, riciclaggio e appropriazione indebita, e Nadia Dagrada, segretaria amministrativa di via Bellerio, i due hanno espresso preoccupazione per la volontà dell'esponente leghista, Roberto Castelli, di controllare le spese, e la necessità di trovare nuove soluzioni per continuare con quelle modalità.

Denaro contante non tracciabile, infatti, sarebbe poi stato elargito senza lasciare traccia, "a favore di: Bossi Umberto, Manuela Marrone (moglie), Bossi Riccardo, Bossi Renzo, Bossi Roberto, Mauro Rosy, Calderoli Roberto, Stiffoni, alla scuola Bosina, con sede a Varese, riconducibile a Manuela Marrone e al SinPa (Sindacato Padano) riconducibile a Mauro Rosy, e ad altri soggetti e strutture citate nelle telefonate ed in corso di identificazione". Per gli investigatori "l'irregolarità della gestione dei fondi della Lega, si rileva anche sotto il profilo dell'appropriazione indebita in relazione ai fondi derivanti dal finanziamento pubblico".

L'attenzione degli inquirenti è concentrata su una cartella, chiamata "The Family", rinvenuta nella cassaforte di Belsito, insieme a documenti e fatture, "materiale utile", insieme a una parte della documentazione contabile sequestrata, per verificare il sospetto che alcune somme distratte da Belsito siano state destinate a pagare spese dei familiari del leader del Carroccio. L'inchiesta napoletana è coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Greco e affidata ai Pm Henry John Woodcock, Francesco Curcio e Vincenzo Piscitelli.

http://www.leganord.org/

Senegal, Youssou Ndour diventa il ministro della Cultura

Autore: Redazione MTV News Data: 5 aprile 2012 Commenta
Senegal, Youssou Ndour diventa il ministro della Cultura

La star della musica africana si era candidato alla presidenza

Dakar, 5 apr. (TMNews) - Avrebbe voluto essere il presidente del Senegal, dovrà accontentarsi di fare il ministro. La star della musica africana Youssou Ndour è stato nominato a capo del dicastero della Cultura e del Turismo nell'ambito del nuovo governo annunciato ieri sera dal primo ministro Abdoul Mbaye. Il cantante, la cui candidatura alle presidenziali era stata respinta dal Consiglio costituzionale, aveva sostenuto con forza la candidatura di Macky Sall, poi eletto capo dello Stato. Il nuovo governo è composto da 25 ministri: i principali collaboratori di Sall sono stati nominati a capo dei ministeri più importanti: Interno, Giustizia, Affari Esteri, Comunicazione e Istruzione. Il ministro dell'Economia e delle Finanze è il banchiere Amadou Kane, mentre il celebre ecologista di origine libanese Ali Haidar guiderà il ministero dell'Ambiente. http://www.youssou.com/

Crollano i risparmi delle famiglie italiane, ai minimi dal ’95

Autore: Redazione MTV News Data: 5 aprile 2012 Commenta
Crollano i risparmi delle famiglie italiane, ai minimi dal '95

Istat: il potere d'acquisto cala dello 0,5% nel 2011

Roma, 5 apr. (TMNews) - Le famiglie italiane risparmiano sempre di meno, anzi, per la precisione la loro capacità di mettere da parte qualche cosa nel 2011 è scesa ai livelli del 1995. Secondo l'Istat la propensione al risparmio delle famiglie si è attestata al 12%, il valore più basso dal 1995, con una diminuzione di 0,7 punti percentuali rispetto all'anno precedente. Secondo l'Istituto di statistica, tenuto conto dell'inflazione, anche il potere di acquisto delle famiglie nel 2011 è diminuito dello 0,5%.

Nel quarto trimestre - ha spiegato l'Istat che ha diffuso l'indagine su "Reddito e risparmo delle famiglie e profitti delle società" - la propensione al risparmio è stata pari al 12,1%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto al trimestre precedente, ma più bassa di 0,8 punti percentuali rispetto al quarto trimestre del 2010. Nell'ultimo trimestre del 2011 il reddito disponibile delle famiglie in valori correnti è aumentato dell'1,1% rispetto al corrispondente trimestre dell'anno precedente, a fronte di una crescita dell'1,9% della spesa delle famiglie per consumi finali.

Secondo l'Istat, nel 2011 il reddito disponibile delle famiglie in valori correnti è, invece, aumentato del 2,1%. Nell'ultimo trimestre del 2011 il reddito disponibile delle famiglie ha registrato un aumento dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e dell'1,1% rispetto a quello corrispondente del 2010. Tuttavia, sempre tenendo conto dell'inflazione, il potere d'acquisto, cioè il reddito disponibile delle famiglie in termini reali, nell'ultimo trimestre dell'anno è calato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dell'1,9% rispetto al quarto trimestre del 2010.

Nel 2011 gli investimenti fissi lordi delle famiglie sono aumentati dell'1,5% ed il tasso di investimento (definito dal rapporto tra gli investimenti fissi lordi, che comprendono gli acquisti di abitazioni e gli investimenti strumentali delle piccole imprese classificate nel settore, e il reddito disponibile lordo) si è attestato al 10%, come l'anno precedente. Nel quarto trimestre del 2011 si registra una lieve diminuzione del tasso di investimento delle famiglie (-0,1 punti percentuali) sia rispetto al trimestre precedente che a quello corrispondente del 2010.

http://www.istat.it/it/

Mali, i ribelli Tuareg sospendono le operazioni militari

Autore: Redazione MTV News Data: 5 aprile 2012 Commenta
Mali, i ribelli Tuareg sospendono le operazioni militari

Il leader golpista chiede l'intervento militare dell'occidente

Milano, 5 apr. (TMNews) - I tuareg del Movimento nazionale per la liberazione dell'Azawad (Mnla) hanno annunciato la fine delle operazioni militari nel nord del Mali, rispondendo alla richiesta dell'Onu di far cessare le ostilità. In un comunicato firmato dal segretario generale Bilal Ag Acheri si afferma che "dopo la completa liberazione del territorio Azawad e alla luce della forte richiesta della comunità internazionale", il gruppo indipendentista Mnla "ha deciso unilateralmente di dichiarare la fine delle operazioni militari dalla mezzanotte di giovedì". Il movimento ha quindi chiesto ai Paesi della regione e alla comunità internazionale di "garantire alla popolazione Azawad di vivere libera da ogni aggressione da parte del Mali". L'Azawad è una regione abitata dai tuareg che copre un'area che si estende nel nord del Mali, ma anche nei vicini Niger e Algeria. I tuareg, sostenuti dagli islamici, hanno conquistato la scorsa settimana le tre principali città del nord del Mali: Gao, Kidal e Timbuctù. Ieri, il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha chiesto "la fine immediata delle ostilità", nel nord del Mali, invitando i ribelli "a fermare le violenze e a cercare una soluzione pacifica attraverso il dialogo politico". Il capitano Amadou Sanogo, leader della giunta golpista del Mali, tuttavia, ha chiesto all'Occidente di intervenire militarmente nel nord del Mali contro i gruppi islamici. In un'intervista rilasciata ai quotidiani francesi Liberation e le Monde, il capitano ha dichiarato: "Se le grandi potenze sono state capaci di attraversare gli oceani per contrastare queste strutture integraliste in Afghanistan, che cosa impedisce loro di venire da noi? Il nemico è noto e non è a Bamako. Se una forza deve intervenire, serve che lo faccia nel Nord". "A Bamako la vita va avanti, l'amministrazione lavora, la gente gestisce i propri affari, il nostro comitato è rispettato - ha aggiunto - non c'è alcuna urgenza a Bamako. L'urgenza è nel nord". Approfittando del golpe militare contro il Presidente Amadou Toumani Touré, ribelli tuareg e gruppi islamici hanno preso il controllo delle tre principali città del nord del Mali: Kidal, Gao e Timbuctù. "La situazione è critica da tempo. E' la ragione per cui abbiamo rovesciato il governo - ha concluso il capitano - ci sono stati tradimenti, l'esercito è stato abbandonato di fronte alla rivolta tuareg. Oggi, questa non è più una semplice rivolta, sono gruppi islamisti che si stanno insediando nel nord del paese. E se si lascia il Mali ad affrontare da solo questo problema, l'Africa e il mondo ne pagheranno le conseguenze". http://www.cnn.com/2012/04/03/world/africa/mali-unrest/index.html

Whitney Houston, tracce di cocaina nel bagno della sua camera

Autore: Redazione MTV News Data: 5 aprile 2012 Commenta
Whitney Houston, tracce di cocaina nel bagno della sua camera

La cantante forse morta a causa di un cocktail di alcol e droga

Milano, 5 apr. (TMNews) - Nel bagno della stanza d'albergo di Los Angeles in cui è stata trovata morta la cantante Whitney Houston è stata ritrovata della cocaina: è quanto emerge dal rapporto finale degli inquirenti statunitensi che stanno indagando sulle circostanze che hanno portato al decesso della star della musica. Secondo le conclusioni delle autorità locali, Whitney Houston non sarebbe sopravvissuto a un micidiale cocktail di droga e alcol. "La cantante potrebbe essere morta per una super dose di stupefacenti, medicine e alcol", si legge nel rapporto di 42 pagine, che fornisce anche alcuni dettagli sul cadavere. Al suo ritrovamento, Whitney Houston aveva un rivolo di sangue che usciva dal naso. "Aveva un defibrillatore sulla parte alta del petto destro e un altro a sinistra. I contorni delle protesi dei suoi due seni erano ben visibili", si legge nel documento degli inquirenti. In bagno, oltre alla cocaina, sono stati trovati alcuni strumenti solitamente utilizzati per consumarla: un cucchiaino, uno specchietto e un foglio di carta bianco arrotolato. http://remembering.whitneyhouston.com/

Calendario