MTV News

Archivio del giorno 19 maggio 2012

La fiaccola olimpica è in Gran Bretagna, la accende Beckham

Autore: Redazione MTV News Data: 19 maggio 2012 Commenta
La fiaccola olimpica è in Gran Bretagna, la accende Beckham

Ora la staffetta verso Londra e il tour in GB

Milano, 19 mag (TMNews) - E' stato David Beckham ad accendere la fiaccola olimpica giunta a Land's End, in Cornovaglia, a meno di tre mesi dall'inizio dei Giochi. Ora al via il tour della fiamma in Gran Bretagna. Primo tedoforo, Ben Ainslie, marinaio tre volte olimpionico. Ad accompagnare la torcia nel suo viaggio verso il Regno Unito è stata la principessa Anne, presidente del comitato olimpico britannico, che l'ha ricevuta giovedì ad Atene.

La fiaccola ha così cominciato l'ultima parte della sua lunga marcia di avvicinamento a Londra: nei prossimi 70 giorni farà tappa in un migliaio di città di Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord per poi concludere il suo itinerario nella capitale inglese, dove il 27 luglio è in programma la cerimonia di apertura dei Giochi.

"L'arrivo della fiamma olimpica sul terreno di casa è un momento magico per qualsiasi paese ospitante - ha detto Sebastian Coe, capo del comitato organizzatore di Londra 2012 -, è un evento che unirà milioni di persone in tutto il Regno Unito".

http://www.olimpiadilondra.com/

Caso Orlandi: indagato mons. Vergari ex rettore Sant’Apollinare

Autore: Redazione MTV News Data: 19 maggio 2012 Commenta
Caso Orlandi: indagato mons. Vergari ex rettore Sant'Apollinare

Il reato è di sequestro di persona aggravato da minore età

Roma, 19 mag. (TMNews) - Monsignor Piero Vergari, ex rettore della chiesa di Sant'Apollinare, è indagato per la scomparsa di Emanuela Orlandi. Nei suoi confronti la Procura di Roma ha ipotizzato il reato di sequestro di persona aggravato dalla minore età. Quando Emanuela, figlia di un commesso del Vaticano, scomparve, nel 1983, aveva infatti 15 anni.

Vergari era rettore della chiesa di Sant'Apollinaire fino al '91, chiesa dove è stato sepolto il boss della Banda della Magliana, Enrico De Pedis, ucciso il 2 febbraio 1990 in un regolamento di conti in via del Pellegrino.

L'iscrizione di monsignor Vergari non sarebbe legata all'ispezione nella cripta della Basilica di Sant'Apollinare, dove lunedì scorso un team di esperti della polizia scientifica ha aperto il sarcofago e ha stabilito con certezza, grazie alle impronte digitali, che il corpo seppellito è quello del boss della Banda della Magliana. Le operazioni nella basilica, che continuano per catalogare i resti nell'ossario, sono infatti avvenute in accordo tra Vaticano e Procura. L'iscrizione nel registro degli indagati del prelato sarebbe invece antecedente a questo accertamento. Di recente, infatti, Monsignor Vergari era stato oggetto di una perquisizione. E gli investigatori, nell'occasione avevano anche fatto copia dell'hard disk di alcuni computer.

Nel fascicolo della Procura sulla scomparsa di Emanuela Orlandi sono iscritti come indagati Sergio Virtù, Angelo Cassani, detto 'Ciletto', Gianfranco Cerboni, detto 'Gigetto', che gli inquirenti ritengono legati alla banda della Magliana, il gruppo criminale che ha imperversato a Roma tra gli anni Settanta e Ottanta.

http://basilica.apollinare.org/

Crisi maro’, India rifiuta la liberazione su cauzione

Autore: Redazione MTV News Data: 19 maggio 2012 Commenta
Crisi maro', India rifiuta la liberazione su cauzione

C'è rischio di fuga e di influenza sui testimoni

Roma, 19 mag. (TMNews) - Il tribunale indiano di Kollam ha rifiutato la liberazione su cauzione di Massimiliano Latorre e salvatore Girone, i due militari italiani detenuti in India. La decisione viene all'indomani della formale incriminazione dei due soldati per omicidio e del richiamo in Italia dell'ambasciatore a Nuova Delhi.

Il tribunale di Kollam ha motivato la sua decisione spiegando che sussistono rischi di fuga dal paese o la possibilità che i marò possano influenzare i testimoni. La corte ha anche evocato l'opportunità di un "Processo veloce".

Ieri, nella giornata in cui la polizia del Kerala ha formalizzato le accuse per omicidio nei confronti di Latorre e Girone, agli arresti in India, l'Italia ha deciso il richiamo dell'ambasciatore che è stato oggi convocato alla Farnesina.

Il commissario Ajith Kumar, capo del Gruppo speciale investigativo (Sit) ha presentato ieri al tribunale di Kollam un dossier da 196 pagine contenente la perizia balistica e l'atteso 'chargesheet', ossia l'elenco delle imputazioni sulla base delle quali i connazionali dovrebbero essere rinviati a giudizio per aver ucciso in acque indiane i due pescatori Ajesk Binki e Gelastine, lo scorso 15 febbraio.

L'annuncio della presentazione dei documenti è arrivato proprio mentre il sottosegretario agli Esteri Staffan De Mistura si trova in missione nel Kerala per incontri a tutti i livelli tesi a una soluzione positiva del caso. Stando alle anticipazioni di stampa, la polizia chiede che i fucilieri del battaglione San Marco - che al momento dei fatti erano impegnati in una missione anti-pirateria a bordo della petroliera 'Enrica Lexie' - siano processati in base a quattro sezioni del codice penale indiano: 302 (omicidio); 307 (tentato omicidio); 427 (azioni che hanno comportato danni) e 34 (associazione a delinquere).

Latorre e Girone sono stati arrestati il 19 febbraio scorso e in seguito trasferiti nel carcere centrale di Trivandrum. Le autorità del Kerala hanno finalmente accettato di trasferirli in una struttura più "adatta al loro status di agenti operativi di un Paese amico" come hanno riferito fonti vicine al dossier.

http://in.reuters.com/article/2012/05/19/indian-fishermen-massimiliano-latorre-sa-idINDEE84I02O20120519

Monti apre sessione economica del G8, serve accordo su crescita

Autore: Redazione MTV News Data: 19 maggio 2012 Commenta
Monti apre sessione economica del G8, serve accordo su crescita

L'accoglienza di Obama: Speriamo di riuscire a fare qualcosa

Camp David, 19 mag. (TMNews) - Il presidente americano Barack Obama ha aperto il vertice del G8 a Camp David, accogliendo in giacca e camicia, senza cravatta, i leader mondiali nella sua residenza nei pressi di Washington. Unico leader presentatosi in giacca e cravatta è stato il neopresidente francese Francois Hollande, che poco prima aveva incontrato Obama alla Casa Bianca. I due hanno insistito sulla necessità di promuovere la crescita per uscire dalla crisi economica e si sono detti d'accordo sul fatto che la Grecia debba rimanere nell'euro.

Sarà invece Mario Monti ad aprire i lavori della seconda giornata del vertice del G8 a Camp David, in Maryland, residenza del presidente degli Stati Uniti. Summit che entrerà nel vivo con le quattro sessioni di lavoro (più la quinta per le conclusioni): il presidente del Consiglio chiederà più crescita e investimenti, nella sessione più attesa, quella su "Economics and Global Issues", ovvero i temi economici globali.

Ieri, il vertice è stato inaugurato in serata, con la cerimonia di benvenuto e il pranzo di lavoro, durante il quale si è discusso soprattutto della crisi politica in Siria e delle tensioni sull'atomica con l'Iran: argomenti su cui Mosca resta distante dalle posizioni degli Stati Uniti e dei suoi maggiori alleati, con un atteggiamento più prudente. In precedenza, Barack Obama - per la prima volta padrone di casa - aveva accolto gli altri leader con calore e qualche battuta. Rivolgendosi a Monti, aveva detto: "Speriamo di riuscire a fare qualcosa". Di certo, si punta a una dichiarazione finale che, a conclusione del vertice, includa anche un impegno a conciliare rigore e crescita, convincendo la Germania ad abbandonare la propria posizione intransigente.

Al summit partecipano le otto grandi potenze mondiali: Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia, Italia, Canada, Giappone e Russia. Presenti anche l'Unione europea - rappresentata dal presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, e da quello della Commissione, Jose Manuel Barroso - che ha voluto ieri sera sottolineare la necessità di tenere la Grecia nell'Eurozona, e alcuni leader africani, invitati da Obama per discutere di sicurezza alimentare: il presidente del Benin e dell'Unione africana, Yayi Boni; il primo ministro etiope, Meles Zenawim; il presidente della Tanzania, Jakaya Kikwete, e quello del Ghana, John Evans Atta Mills.

http://www.state.gov/e/eb/ecosum/2012g8/index.htm

Australia, Julian Assange ha buone chance di diventare senatore

Autore: Redazione MTV News Data: 19 maggio 2012 Commenta
Australia, Julian Assange ha buone chance di diventare senatore

Lo rivela un sondaggio pubblicato dal Sidney Herald

Sidney, 19 mag. (TMNews) - Julian Assange, il controverso fondatore di WikiLeaks, il sito web specializzato in intelligence, ha concrete chance di vincere un seggio in Senato nelle elezioni politiche che si terranno in Australia il prossimo marzo.

Secondo un sondaggio eseguito per il Partito laburista al potere dall'istituto UMR Research, e pubblicato dal Sidney Herald, il 25% delle persone intervistate voterebbe per Assange. Tra gli elettori dei Verdi ben il 39% voterebbe per il fondatore di WikiLeaks.

"C'è un chiaro e significativo consenso per Julian Assange che attraversa i confini tra i partiti ed è più concentrato nell'elettorato dei verdi", ha detto John Utting, dell'istituto UMR.

http://www.umr.com.au/

Brindisi, ordigno davanti a una scuola: morta studentessa 16enne

Autore: Redazione MTV News Data: 19 maggio 2012 Commenta
Brindisi, ordigno davanti a una scuola: morta studentessa 16enne

Altri 7 studenti sono feriti, una ragazza in condizioni gravi

Milano, 19 mag. (TMNews) - Attentato all'alba del 19 maggio 2012 a Brindisi, vicino all'istituto professionale intitolato alla memoria del giudice Giovanni Falcone e della moglie Francesca Morvillo. Una ragazza di 16 anni, melissa bassi di Mesagne (Br) è morta e altri 7 studenti sono rimasti feriti. L'ordigno artigianale, 3 bombole di gas Gpl collegate a un detonatore, era stato sistemato su un muretto dell'istituto ed è esploso poco prima che gli studenti entrassero in classe, un particolare che fa pensare che obiettivo dell'attentato fosse proprio l'istituto. Il botto è stato molto forte anche se non devastante. Da più parti è stata avanzata l'ipotesi che possa trattarsi di un attentato di matrice mafiosa, forse legato alle celebrazioni del 20ennale della strage di Capaci in cui, il 23 maggio del 1992 morirono il giudice Falcone, la moglie e gli agenti della scorta oppure potrebbe trattarsi di una reazione della Sacra corona unita, la sanguinaria mafia pugliese, all'attività anticrimine delle forze dell'ordine. Ci sono però altri particolari al vaglio degli inquirenti: l'attentato è avvenuto nel giorno in cui a Brindisi avrebbe fatto tappa la "carovana della legalità", il corteo organizzato dall'associazione antimafia Libera di Don Luigi Ciotti; proprio vicino all'istituto inoltre c'è la sede del Tribunale brindisino. Per motivi di sicurezza tutte le scuole della città sono state evacuate. Il capo della polizia Antonio Manganelli, d'intesa con il ministro Cancellieri, ha inviato a Brindisi oltre al direttore centrale della polizia criminale anche i vertici del servizio centrale operativo che affiancheranno il pool di investigatori presente sul posto. Il governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola ha dichiarato: "E' un sacrilegio uccidere i figli. Il dolore di Brindisi è il dolore di tutti i genitori. Abbiamo bisogno di dare un identikit preciso agli assassini che hanno commesso questo atto di barbarie". http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDNotizia=520251&IDCategoria=1

Calendario