MTV News

Archivio della categoria ‘Attualità e Cronaca’

A Scampia i funerali del giovane tifoso del Napoli, Ciro Esposito

Autore: Redazione MTV News Data: 28 giugno 2014 Commenta
A Scampia i funerali del giovane tifoso del Napoli, Ciro Esposito

La mamma del giovane: basta violenze, tenete alto il nome di Ciro

Milano, 28 giu. (TMNews) - "Basta violenza, tenete alto il nome di Ciro Esposito", è l'appello della mamma del giovane tifoso del Napoli morto dopo oltre 50 giorni di agonia in ospedale dopo essere stato colpito da un proiettile il 3 maggio scorso mentre andava a vedere la partita Napoli-Fiorentina. I funerali si sono svolti ieri a Scampia davanti a migliaia di persone che hanno voluto dare l'ultimo saluto a Ciro.

Il feretro avvolto nella bandiera del Napoli, accolto da una pioggia di applausi e coriandoli bianchi, oltre 2.500 tifosi commossi che hanno affollato la "Piazza Grandi eventi" a Scampia, diventata per un giorno "Piazza Ciro Esposito".

In piazza, a Scampia c'erano tanti capi ultrà, tra cui anche Genny a' carogna. Ma c'erano anche alcuni calciatori del Napoli con il presidente Aurelio De Laurentiis che ha detto: la scomparsa di Ciro, ha concretizzato la morte del calcio italiano, spero che questo permetta al calcio di ripartire, di ritrovare identità e cultura.

Era presente anche il presidente del Coni, Giovanni Malagò che ha annunciato l'istituzione di un premio intitolato a Ciro Esposito che ogni anno la famiglia consegnerà a chi avrà "onorato la memoria del giovane", definito oggi da tutti "un simbolo della Scampia per bene". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, dal canto suo, ha auspicato che i responsabili della morte del tifoso paghino per il loro gesto.

http://www.sscnapoli.it/prehome/html/default.html

Istat: continua trend calo nascite, 514 mila nati nel 2013

Autore: Redazione MTV News Data: 27 giugno 2014 Commenta
Istat: continua trend calo nascite, 514 mila nati nel 2013

Numero medio figli per donna è 1,39

Roma, 26 giu. (TMNews) - Per il quinto anno consecutivo le nascite in Italia diminuiscono, attestandosi a 514 mila nel 2013. Il numero medio di figli per donna scende da 1,42 nel 2012 a 1,39 nel 2013. L'età media al parto sale a 31,5 anni. E' quanto emerge dal Report "indicatori demografici" dell'Istat.

Circa l'80% delle nascite proviene da donne italiane, il restante 20% da donne straniere. La fecondità delle prime scende, tra il 2008 e il 2013, da 1,34 a 1,27 figli per donna. Diminuisce anche la fecondità delle donne immigrate: da 2,65 figli per donna a 2,20 nel medesimo periodo.

Nel 2013 si sono celebrati meno di 200 mila matrimoni, per un quoziente di nuzialità pari al 3,3 per mille, il più basso nella storia del Paese. La celebrazione del matrimonio con rito religioso perde ulteriore terreno nei confronti del rito civile. Tra il 2008 e il 2013 la quota di sposi che sceglie il primo passa infatti dal 63% al 57%, mentre la quota di coloro che optano per il secondo cresce dal 37% al 43%.

Aumenta la speranza di vita alla nascita, giunta nel 2013 a 79,8 anni per gli uomini e a 84,6 anni per le donne. A fine 2013, gli individui di 65 anni e oltre rappresentano il 21,4% del totale (21,2% nel 2012), risultando in ulteriore aumento, mentre i giovani fino a 14 anni di età scendono al 13,9% (dal 14% del 2012).

http://www.istat.it/it/

Giappone, azionisti Tepco con ambientalisti contro il nucleare

Autore: Redazione MTV News Data: 26 giugno 2014 Commenta
Giappone, azionisti Tepco con ambientalisti contro il nucleare

Chiedono la chiusura definitiva degli impianti atomici nel Paese

Milano, 26 giu. (TMNews) - A Tokyo decine di azionisti della Tepco, il colosso energetico pubblico giapponese, sono scesi in piazza al fianco degli ambientalisti per dire No al ritorno al nucleare nel Paese dopo il disastro di Fukushima, la centrale atomica distrutta dal terremoto e dallo tsunami nel 2011. Azionisti e attivisti chiedono la chiusura permanente degli impianti atomici e un maggiore sostegno alle vittime della tragedia.

"Siamo qui al meeting annuale degli azionisti della Tepco per dire loro di prendersi cura delle vittime come priorità - ha spiegato una volontaria di Greenpeace - è la cosa più importante da fare piuttosto che riavviare i reattori nucleari in Giappone".

"Penso che alla fine ascolteranno le nostre richieste - ha aggiunto una delle azioniste - però è chiaro che non lo faranno a partire da oggi".

In seguito al disastro nuclerare di Fukushima diverse città, in un raggio di circa 20 Km dalla centrale, sono state completamente evacuate. Migliaia di persone sono rimaste senza casa e senza lavoro ma i risarcimenti riconosciuti finora dal governo giapponese sono giudicati insufficienti.

Al momento i 48 reattori atomici del Paese sono disattivati ma la Tepco, per evitare il fallimento, punta a farli ripartire quanto prima, a partire dalla centrale di Kashiwazaki-Kariwa, la più grande del Giappone. Una scelta contro la quale si scaglia buona parte dei cittadini che vorrebbe un Paese denuclearizzato.

http://www.tepco.co.jp/en/index-e.html

F-35, Pinotti: stop mette a rischio sostenibilità industriale

Autore: Redazione MTV News Data: 26 giugno 2014 Commenta
F-35, Pinotti: stop nette a rischio sostenibilità industriale

Viaggio in Usa per chiedere ai partner di non abbandonare Cameri

Milano, 26 giu. (TMNews) - "Se il programma F-35 fosse cancellato sarebbe a rischio la sostenibilità industriale del Paese", ad affermarlo è il ministro della Difesa, Roberta Pinotti che ha annunciato una prossima visita negli Stati Uniti cper chiedere ai partner americani di incrementare il carico di lavoro per lo stabilimento di Cameri, in modo da compensare la riduzione delle attività produttive connesse con i tagli italiani. Al momento il programma è stato sospeso e resta fermo ai contratti già siglati per la consegna di 6 aerei (lotti 6 e 7) da consegnare tra il 2015 er il 2016, in attesa di un "libro bianco" che definirà le reali esigenze dell'Italia per il comparto della Difesa. Il ministro ha fatto presente che a Cameri si stanno attraversando "fasi cruciali anche per l'avvio della cosiddetta 'curva di apprendimento' che permette al sistema produttivo di "imparare a fare", nei tempi e nei costi richiesti dalla competizione internazionale". In caso in cui non si avviassero i lotti successivi il rischio sarebbe un "peggioramento della competitività dell'intero sito produttivo. La conseguenza sarebbe che le commesse internazionali provenienti dagli altri Paesi che hanno deciso di acquisire l'F-35 sarebbero dirottate verso gli Usa anziché a Cameri, con inwevitabili ripercussioni sull'occupazione. Il taglio di 150 milioni da parte dell'Italia al programma, consentirà di "rallentare" momentanemante la produzione in attesa di una decisione che, però, non metta in crisi le oltre 60 aziende che hanno già ricevuto commesse così come lo sviluppo della capacità produttiva del sito di Cameri. http://www.lockheedmartin.com/us/products/f35.html

Morto Ciro Esposito, famiglia del tifoso del Napoli: no violenza

Autore: Redazione MTV News Data: 25 giugno 2014 Commenta
Morto Ciro Esposito, famiglia del tifoso del Napoli: no violenza

Fu ferito il 3 maggio scorso a Roma prima della Coppa Italia

Milano, 25 giu. (TMNews) - Nessuna violenza nel nome di Ciro. Nel momento del dolore la famiglia del tifoso del Napoli morto a 50 giorni dal suo ferimento nel pre partita della finale di Coppa Italia ha voluto lanciare per prima cosa un appello. "Invitiamo a mantenere la calma - ha detto lo zio Vincenzo Esposito - non vogliamo altra violenza, ma solo rispetto per Ciro". Il ragazzo rimase ferito da colpi di pistola il 3 maggio scorso durante degli scontri fuori dall'Olimpico a Roma. Ricoverato al Policlinico Gemelli ha subito diversi interventi che non sono bastati per salvargli la vita. Troppo gravi le ferite procurate dai proiettili sparati secondo le accuse dall'ultrà della Roma Daniele De Santis, ricoverato in ospedale per fratture multiple dopo la rissa di quel giorno. Solo l'inchiesta in corso chiarirà del tutto dinamica e responsabilità dell'episodio di violenza. https://www.policlinicogemelli.it/

La figlia di Kurt Cobain: "La morte non è cool"

Autore: Redazione MTV News Data: 25 giugno 2014 Commenta
La figlia di Kurt Cobain: La morte non è cool

Il tweet in risposta ad alcune affermazioni di Lana del Rey

Milano, 25 giu. (TMNews) - "La morte dei musicisti giovani non deve essere vista in modo romantico, non conoscerò mai mio padre perché è morto giovane, tutto questo diventa qualcosa a cui aspirare perché persone come te pensano sia cool. Bene, non lo è per niente". A parlare è Frances Bean Cobain, la figlia del cantante dei Nirvana che si suicidò quando lei aveva un anno. L'intervento su Twitter è una risposta indiretta ad alcune dichiarazioni rilasciate da Lana del Rey in un'intervista al Guardian "Vorrei essere già morta" aveva detto la cantante, scatenando la reazione di Frances Cobain. "Accetta la vita - ha scritto in un tweet la figlia del cantante grunge - perché sarà l'unica che avrai". http://www.biography.com/people/frances-bean-cobain-281996#awesm=~oI7KFHUqRnLtFo

Semestre europeo, Renzi alla Camera: mille giorni per cambiare

Autore: Redazione MTV News Data: 24 giugno 2014 Commenta
Semestre europeo, Renzi alla Camera: mille giorni per cambiare

Il premier illustra il programma per la presidenza

Roma, 24 giu. (TMNews) - L'Europa deve cambiare direzione se vuole crescere. Matteo Renzi illustra alla Camera il programma del governo per il semestre di presidenza italiano dell'Unione europea, anche in vista del Consiglio europeo del 26 e 27 giugno. Il premier parla di un'Italia forte, che ha il dovere di cambiare. "E' questo il punto di partenza: l'idea che l'Italia debba smettere di vedere nelle istituzioni europee un soggetto in grado di dare delle autorizzazioni" ha detto.

L'Europa non può limitarsi alla discussione sul nome del presidente della Commissione, al sì e no a Jean Claude Juncker, ma deve tener conto del risultato delle elezioni. Le regole si rispettano ma molto deve cambiare. "A differenza della Germania non chiediamo di sforare il tetto del 3%, ma vogliamo smettere di vivere l'elenco delle raccomandazioni come la lista della spesa che ci capita tra capo e collo".

Renzi lancia la sfida al Parlamento con tempi precisi. "E allora il semestre di presidenza italiana deve essere l'occasione per un pacchetto di riforme. Ci prendiamo un arco di tempo di mille giorni". Entro il 1 settembre il governo elencherà le proposte specifiche ai cittadini: infrastrutture, modifiche al fisco, diritti, agricoltura, P.A., welfare. Ultima scadenza il 28 maggio 2017.

http://www.camera.it/leg17/1

http://www.governo.it/Presidenza/

Le priorità Ue per 5 anni targate Italia, documento a Van Rompuy

Autore: Redazione MTV News Data: 24 giugno 2014 Commenta
Le priorità Ue per 5 anni targate Italia, documento a Van Rompuy

Merkel sì a un patto di stabilità flessibile

Milano, 24 giu. (TMNews) - La cancelliera tedesca Angela Merkel ritiene possibile un utilizzo "flessibile" del patto europeo di stabilità, che però deve essere rispettato. L'apertura segue la presa di posizione del governo Renzi che alla nuova Commissione Ue ha chiesto di puntare su crescita e lavoro. In un documento in inglese inviato al presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, come contributo per il vertice dei capi di Stato e di governo che si svolgerà 26 e 27 giugno a Bruxelles, il governo italiano propone una serie di priorità per le politiche dell'Ue nei prossimi cinque anni e un profilo abbastanza preciso di quello che dovrebbe essere il prossimo presidente della Commissione europea, e della sua "job description".

Prima priorità, secondo il governo, è quella di "ripensare a mente fresca la strategia più efficace per ripristinare la crescita, creare occupazione e promuovere la coesione". Questo, si sottolinea nel documento, intitolato "Un nuovo inizio per l'Unione europea", è anche "il modo migliore di migliorare la sostenibilità dei conti pubblici". La ripresa finora "rimane debole e ineguale", e comporta "rischi di divergenze ancora maggiori fra gli Stati membri". E il consolidamento dei bilanci pubblici è una sfida ancora difficile, "nonostante gli sforzi senza precedenti" che sono stati fatti, "a causa della crescita debole e dell'inflazione bassissima". Secondo il governo italiano, "siamo davanti a un bivio: accettare un pericoloso lungo periodo di crescita fragile e alta disoccupazione, o stimolare le aspettative macroeconomiche ('boosting macroeconomic prospects', ndr). Una risposta in termini di pilitiche europee è di un'urgenza allarmante", si osserva nel documento.

http://ec.europa.eu/about/index_it.htm

Meno divorzi e separazioni, 16 anni la durata media delle unioni

Autore: Redazione MTV News Data: 23 giugno 2014 Commenta
Meno divorzi e separazioni, 16 anni la durata media delle unioni

Istat: la prima battuta d'arresto dal 1995

Roma, 23 giu. (TMNews) - Battuta d'arresto per separazioni e, soprattutto, divorzi per la prima volta dal 1995. Secondo i dati dell'Istat, nel 2012 le separazioni sono state poco più di 88mila e i divorzi 51.300, entrambi in calo rispetto all'anno precedente (rispettivamente dello 0,6% e del 4,6%). Per ogni 1.000 matrimoni si contano 311 separazioni e 174 divorzi. La durata media delle nozze prima di decidere di prendere strade diverse è di 16 anni per le separazioni e 19 anni per i divorzi.

I matrimoni più recenti durano di meno. Confrontando le nozze celebrate nel 1985 con quelle del 2005, le unioni interrotte dopo sette anni da una separazione sono raddoppiate, passando dal 4,5% al 9,3%. Così come durano di più le nozze religiose: a sopravvivere alla "crisi del settimo anno", nel 2012, sono 933 matrimoni religiosi su 1.000 celebrati nel 2005 contro 880 su 1.000 matrimoni celebrati con rito civile.

L'età media alla separazione è di circa 47 anni per i mariti e di 44 per le mogli; in caso di divorzio raggiunge, rispettivamente, 49 e 46 anni. Valori cresciuti negli anni sia perché si arriva al matrimonio in età più matura sia perché sono aumentate le separazioni con almeno uno sposo ultrasessantenne.

http://www.istat.it/it/

L’Apocalisse delle cosche di Palermo: 95 persone in manette

Autore: Redazione MTV News Data: 23 giugno 2014 Commenta
L'Apocalisse delle cosche di Palermo: 95 persone in manette

Inferto durissimo colpo a Cosa nostra di Resuttana e San Lorenzo

Palermo, 23 giu. (TMNews) - Dalle prime ore del mattino è in corso una vasta operazione antimafia, denominata "Apocalisse", nell'area occidentale di Palermo. Carabinieri, Polizia, Guardia di finanza stanno eseguendo 95 provvedimenti restrittivi nei confronti di uomini d'onore dei mandamenti di Resuttana e San Lorenzo, inquinato ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento e altro.

Le indagini, coordinate dalla Dda di Palermo, hanno consentito di ricostruire l'organigramma dei mandamenti individuandone capi e gregari degli ultimi anni, di accertare òa capillare e soffocante pressione estorsiva esercitata da Cosa nostra in danno a numerose imprese edili ed attività commerciali, nonché di riscontrare il diffuso condizionamento illecito dell'economia locale. Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati complessi aziendali per svariati milioni di euro.

L'operazione "Apocalisse", che stamani a Palermo ha portato all'arresto di 95 persone ritenute affiliate alle cosche di San Lorenzo e Resuttana, potrebbe avere fatto luce su un delitto eccellente di mafia accaduto più di cento anni fa: quello del super poliziotto italoamericano Joe Petrosino, ucciso il 12 marzo 1909.

In un'intercettazione delle forze dell'ordine nei confronti di uno degli indagati, Domenico Palazzotto, questo si vanta con gli amici di essere discendente di Paolo Palazzotto, l'uomo che per primo fu arrestato con l'accusa di essere il sicario inviato da Cascio Ferro, il boss di Bisacquino affiliato alla "mano nera", per uccidere Petrosino di fronte all'hotel de France, in piazza Marina. Paolo Palazzotto, così come Cascio Ferro, vennero però assolti per insufficienza di prove.

http://www.interno.gov.it/dip_ps/dia/

Calendario

  • agosto: 2014
    L M M G V S D
    « lug    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031