MTV News

Archivio della categoria ‘Attualità e Cronaca’

Gran finale per Inside Out/Italia dello street-artist parigino JR

Autore: Redazione MTV News Data: 20 ottobre 2012 Commenta
Gran finale per Inside Out/Italia dello street-artist parigino JR

Per i diritti degli italiani di origine straniera

Milano, 20 ott. (TMNews) - Gran finale per "Inside Out/Italia", il progetto di arte partecipata dello street-artist parigino JR, é stato attivato in Italia a supporto della campagna "L'Italia sono anch'io" per i diritti degli italiani di origine straniera.

1500 italiani hanno "messo la faccia" per affermare i diritti di cittadinanza per un paese migliore. I loro ritratti, scattati nei mesi scorsi da fotografi-volontari e rielaborati da JR in grandi poster in bianco e nero, grideranno dai muri e dalle strade di otto città italiane "L'Italia sono anch'io!".

Il 20 ottobre, i Musei civici a Reggio Emilia, l'Arena civica a Milano, l'Ex-meccano-tessile a Firenze, la Mediateca del Mediterraneo a Cagliari, via Libertà a Palermo, piazza della Borsa a Trieste, il Muro degli Stalloni a Crema e i Giardini pubblici a Sassari saranno invasi da centinaia di poster trasformandosi in grandi opere di arte pubblica a cielo aperto.

Inside Out é un progetto dello street-artist JR basato sulla partecipazione attiva delle comunità che desiderano comunicare alla città un tema che sta loro a cuore.

Il progetto Inside Out/ L'Italia sono anch'io é stato attivato dai cittadini e dalle amministrazioni dei comuni di Reggio Emilia, Milano, Firenze, Cagliari, Palermo, Trieste, Crema e Sassari, invitati dal sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio, presidente del comitato "L'Italia sono anch'io", a supporto della campagna per le leggi sulla cittadinanza.

Oltre 200 mila firme sono state raccolte nei mesi scorsi dal comitato nazionale "L'Italia sono anch'io" perché due proposte di legge popolare siano discusse dal Parlamento. La prima legge vuole dare il diritto a chi nasce in Italia di essere italiano sin dalla nascita, anche se ha genitori stranieri. La seconda legge vuole dare il diritto di voto alle elezioni amministrative agli stranieri regolari da oltre cinque anni.

http://www.facebook.com/InsideOutLItaliasonoanchio

Palermo, confessa: "Ho perso la testa". Uccide sorella della ex

Autore: Redazione MTV News Data: 20 ottobre 2012 Commenta
Palermo, confessa: Ho perso la testa. Uccide sorella della ex

L'assassino ha confessato. E' un giovane di 23 anni

Palermo, 20 ott. (TMNews) - Ha resistito tre ore, poi Samuele Caruso, il 23enne fermato ieri dalla polizia a Bagheria, a pochi chilometri da Palermo, è crollato: ha ucciso lui la studentessa 17enne Carmela Petrucci, sorella della sua ex ragazza, Lucia, colpevole soltanto di aver cercato di difenderla durante una lite scoppiata tra i due ieri pomeriggio in via Uditore, quartiere periferico del capoluogo siciliano.

Tra Samuele e Lucia c'era stata una relazione alla cui fine il ragazzo non voleva rassegnarsi. Così ieri il giovane ha atteso sotto casa della ex ragazza il rientro delle due studentesse da scuola, per cercare un chiarimento, un ultimo tentativo di riconquistare un amore perduto. Invece ne è nata una violenta lite in cui a farne le spese è stata proprio la sorella più piccola, raggiunta da diverse coltellate che non le hanno lasciato scampo.

A quel punto il ragazzo è fuggito, ma il suo percorso è stato monitorato dalle forze dell'ordine grazie alla mappatura delle cellule telefoniche, e indirizzate su di lui dalla ex ragazza, rimasta ferita ma non in pericolo di vita.

Dopo l'omicidio, Samuele ha raggiunto Bagheria ed è stato fermato vicino alla stazione, dalla quale probabilmente sarebbe partito per chissà quale destinazione. Nel corso della colluttazione con le vittime, il ragazzo è rimasto ferito ad una mano, e la polizia scientifica è riuscita ad individuare le sue tracce che lo hanno accompagnato dal luogo del delitto sino al paese in provincia di Palermo.

Un ragazzo "normale", Samuele, che come tutti i suoi coetanei aveva una pagine su Facebook dove quotidianamente annotava gli episodi della sua "vita normale", compreso il dolore per quell'amore finito e che non gli lasciava scampo. Un amore che ha trovato il suo epilogo nel sangue.

Lucia Petrucci, intanto, ricoverata all'ospedale Cervello, ha riportato ferite gravi ed è stata sottoposta ad alcuni interventi per ricucire la pelle sfregiata. Ma non è in pericolo di vita. Non sa ancora della morte della sorella. Per questo pomeriggio alle 15, invece, all'istituto di medicina legale sarà effettuata l'autopsia sul corpo della giovane donna, la centesima dall'inizio dell'anno, assassinata al ritorno da scuola. Per lunedì i compagni di scuola di Carmela hanno organizzato una fiaccolata in ricordo della compagna uccisa.

http://www.lasicilia.it/index.php?id=85987&template=lasiciliait

In Italia è senza lavoro una donna su due, solo Malta fa peggio

Autore: Redazione MTV News Data: 19 ottobre 2012 Commenta
In Italia è senza lavoro una donna su due, solo Malta fa peggio

Confartigianato: Sud maglia nera, è attiva una su quattro

Roma, 19 ott. (TMNews) - In Italia la partecipazione femminile al mercato del lavoro rimane tra le più basse d'Europa: quasi una donna su due è inattiva. Il tasso di inattività delle donne nel nostro Paese è, infatti, del 48,5%, a fronte della media Ue del 35,1%. Peggio di noi fa soltanto Malta con un tasso del 55,9%. Il dato emerge dall'Osservatorio sull'imprenditoria femminile curato dall'Ufficio studi di Confartigianato e presentato alla 14° Convention di Donne Impresa Confartigianato organizzata oggi a Roma.

Per l'occupazione femminile le cose peggiorano, e di molto, nelle regioni del Mezzogiorno dove, in media, lavora una donna su quattro: la Campania fa registrare il record per il più basso tasso di occupazione femminile, 20,4%, uguale a quello del Pakistan e di poco superiore a quello del Libano, dello Yemen e della Mauritania. Seguono la Sicilia, con un tasso di occupazione femminile del 22,1%, la Puglia (22,7%), la Calabria con il 23,3%.

Sul versante opposto della classifica è la Provincia Autonoma di Bolzano, il territorio italiano con il tasso di occupazione femminile più alto, pari al 63%, al secondo posto l'Emilia-Romagna con il 60,9% e terza nella classifica delle regioni più virtuose la Valle d'Aosta con il 60,8%. A livello provinciale la maglia nera va a Napoli, dove il tasso di inattività delle donne è del 72%. Seguono Caserta con il 70,7% e Foggia (70,4%). Ravenna, invece, conquista il primato positivo della provincia con la più bassa percentuale di donne inattive: 30,8%. Seguono Bologna con il 32,1% e Ferrara con il 33,1%.

A tenere distanti le donne dal mondo del lavoro vi è soprattutto il basso investimento in quei servizi di welfare che dovrebbero favorire la conciliazione tra attività professionali e cura della famiglia. Anche in questo caso il nostro Paese è nelle posizioni peggiori della classifica europea. Secondo l'Ufficio studi di Confartigianato, la spesa pubblica per la famiglia è stata nel 2011 pari a 20,7 miliardi, pari al 4,6% dei 449,9 miliardi di spesa totale per la protezione sociale. Nel periodo 2007-2011 la spesa per la famiglia è la componente delle prestazioni di welfare che è cresciuta meno: l'incremento è stato di 1,3 miliardi, pari al + 6,9%, vale a dire la metà rispetto all'aumento della spesa complessiva per il welfare in Italia.

Pur in un contesto così problematico per il lavoro femminile, l'Italia mantiene però la leadership in Europa per il maggior numero di imprenditrici e lavoratrici autonome: 1.565.400, pari al 16,4 delle donne occupate nel nostro Paese, rispetto alla media europea del 10,3%. In particolare le imprenditrici artigiane sono 367.895.

http://www.donneimpresa.confartigianato.it/

Schettino: emerga responsabilità di Costa in naufragio Concordia

Autore: Redazione MTV News Data: 19 ottobre 2012 Commenta
Schettino: emerga responsabilità di Costa in naufragio Concordia

L'ex comandante lo ha detto a margine dell'incidente probatorio

Firenze, 19 ott. (TMNews) - L'ex comandante Francesco Schettino chiederà "di parlare" anche oggi, anche perché "devono venire fuori le responsabilità di Costa". Già ieri il gip Valeria Montesarchio aveva eccezionalmente concesso all'indagato numero uno per il naufragio della Costa Concordia, di esprimere delle osservazioni, nel corso dell'incidente probatorio. Oggi Schettino, all'uscita del residence dove alloggia a Marina di Cecina (Li) ha ribadito la propria volontà a due troupe televisive (SkyTg24 e TGT), che lo attendevano. A Grosseto, al Teatro Moderno, è in corso la quinta giornata di udienze. L'avvocato di Schettino, Bruno Leporatti, ha ripreso ad intervenire, dopo il break di ieri sera.

"Non è stata una manovra, quella è stata una decisione: c'è differenza". E' quanto ha ribadito Schettino, rispondendo ai giornalisti, ieri a chi gli chiedeva un commento sulle dichiarazioni del procuratore Francesco Verusio, secondo cui a portare in salvo la nave davanti all'isola del Giglio, evitando che andasse al largo, non fu la bravura dell'ex comandante, ma un fatto di "fortuna", una "volontà di Dio".

Il sindaco del Giglio, intanto, ha chiesto chiarezza sui tempi di rimozione del relitto della Costa Concordia. "Dichiaro il mio sconcerto - ha detto il primo cittadino, Sergio Ortelli - per quanto sarebbe stato dichiarato da alcuni tecnici delle aziende Titan e Micoperi in merito a uno slittamento dei tempi per la rimozione della nave. Non più tardi di lunedì 15 ottobre, nel corso della trasmissione Porta a Porta, l'amministratore delegato di Micoperi aveva ribadito il rispetto dei tempi indicati nel progetto approvato. 48 ore dopo, mentre era in corso a Firenze l'Osservatorio per la rimozione, alle agenzie di stampa internazionali e in diretta alle televisioni venivano rilasciate dichiarazioni da parte di tecnici impegnati nelle operazioni che smentivano nei fatti la tempistica ufficiale".

A questo punto, il sindaco ha chiesto "a nome dell'intera comunità gigliese, che sta subendo danni economici gravi che possono mettere a rischio l'intero sistema dell'Isola, che sia fatta al più presto chiarezza e siano spiegate in modo ufficiale le ragioni del ritardo. Invito Costa Crociere e le aziende che si occupano della rimozione - ha concluso - a spiegare a questa Amministrazione Comunale e alla comunità i tempi e le attività del cantiere affinché siano evitati maggiori danni all'economia gigliese oltre quelli già subiti. Chiedo, quindi, la convocazione di un incontro urgente dell'Osservatorio con la popolazione".

http://www.facebook.com/pages/Costa-Concordia-13-Gennaio-2012/302476689797985

America decides: il contest sulle elezioni presidenziali

Autore: Redazione MTV News Data: 18 ottobre 2012 Commenta


L’Ambasciata USA in Italia seguirà con grande attenzione questo appuntamento e per l’occasione ha creato un contest al quale si può partecipare realizzando un video o una vignetta che raccontano al meglio le elezioni presidenziali.

PER SAPERE COME SI PARTECIPA VAI ALLA PAGINA: www.ambasciatausa.it/AmericaDecides2012

OPPURE VAI SU: http://italy.usembassy.gov/u.s.-elections-2012.html e clicca sul banner “America Decides 2012″.

Scegli a quale contest vuoi partecipare e leggi attentamente le indicazioni per inviare la tua “creazione”.
Gli autori dei migliori video e delle migliori vignette saranno invitati a partecipare all’evento che si terrà a Roma durante la notte delle elezioni il prossimo 6 novembre 2012.

Buona Fortuna e ricordati di inviare il materiale prima possibile perchè alle elezioni americane mancano solo 3 settimane!

Disabili, Censis: Italia tra ultimi in Ue per risorse e servizi

Autore: Redazione MTV News Data: 18 ottobre 2012 Commenta
Disabili, Censis: Italia tra ultimi in Ue per risorse e servizi

Si spendono 438 euro pro capite annui, 100 in meno della media Ue

Milano, 18 ott. (TMNews) - Con 438 euro pro-capite annui, l'Italia si colloca molto al di sotto della media dei Paesi dell'Unione europea (531 euro) nella graduatoria delle risorse destinate alla protezione sociale delle persone con disabilità. In Francia si arriva a 547 euro per abitante all'anno, in Germania a 703 euro, nel Regno Unito a 754 euro, e solo la Spagna (395 euro) si colloca più in basso del nostro Paese. Sono alcuni dei risultati della ricerca "I bisogni ignorati delle persone con disabilità" realizzata nell'ambito del progetto pluriennale "Centralità della persona e della famiglia: realtà o obiettivo da raggiungere?" della Fondazione Cesare Serono e del Censis.

Ancora più grande, spiega il Censis, è la sproporzione tra le misure erogate sotto forma di benefici cash, ossia di prestazioni economiche, e quelle in natura, ossia sotto forma di beni e servizi. In quest'ultimo caso il valore pro-capite annuo in Italia non raggiunge i 23 euro, cioè meno di un quinto della spesa media europea (125 euro), un importo lontanissimo dai 251 euro della Germania e pari a meno della metà perfino della spesa rilevata in Spagna (55 euro). È quanto emerge da una ricerca promossa dalla Fondazione Cesare Serono e realizzata dal Censis sui bisogni ignorati delle persone con disabilità, basata sul confronto con gli altri Paesi europei dell'offerta di servizi per cronici e disabili da parte della sanità italiana.

http://www.censis.it/1

Emergenza rinoceronti in Sudafrica, nel 2012 uccisi 455 esemplari

Autore: Redazione MTV News Data: 17 ottobre 2012 Commenta
Emergenza rinoceronti in Sudafrica, nel 2012 uccisi 455 esemplari

Le corna usate anche a scopi medici in Asia

Milano, 17 ott. (TMNews) - Il massacro di rinoceronti non conosce tregua in Sudafrica, dove i bracconieri hanno ucciso dall'inizio dell'anno 455 animali, un numero già adesso superiore al totale degli animali uccisi nel 2011. Lo ha indicato oggi il ministero degli Esteri. Il luogo meno sicuro per questi mammiferi, ambiti per le loro corna, è il Parco nazionale Kruger, nel nord-est del Paese, dove è stato catturato il 60% del totale.

Il Sudafrica ospita la più nutrita popolazione di rinoceronti, circa 20mila esemplari, che corrisponde al 70-80% della popolazione mondiale. Ma il traffico delle loro corna è talmente redditizio che, nonostante l'accresciuta vigilanza e l'intervento addirittura dell'esercito, questi mammiferi sono sempre più cacciati dai bracconieri.

Le corna dei rinoceronti sono richieste in Asia, in particolare in Vietnam, dove la sostanza in esse contenuta, la cheratina, viene utilizzata per la medicina tradizionale.

La progressione del bracconaggio è spaventosa: 13 animali abbattuti nel 2007, 83 nel 2008, 122 nel 2009, 333 nel 2010, 448 nel 2011. Le forze dell'ordine hanno proceduto a 207 arresti dall'inizio dell'anno, di cui 179 bracconieri, ha precisato il ministero dell'Ambiente.

http://www.wwf.it/client/ricerca.aspx?root=31623&content=1

Scuola, sindacati in rivolta: sciopero generale il 24 novembre

Autore: Redazione MTV News Data: 16 ottobre 2012 Commenta
Scuola, sindacati in rivolta: sciopero generale il 24 novembre

"Nel ddl stabilità si stravolge unilateralmente il contratto"

Roma, 16 ott. (TMNews) - Uno sciopero per l'intera giornata del 24 novembre, con manifestazione nazionale a Roma, preceduto da un nutrito pacchetto di iniziative che prevedono immediata sospensione delle attività non obbligatorie svolte nelle scuole dal personale docente e Ata; assemblee in orario di servizio che si terranno contemporaneamente in tutte le scuole il 13 novembre; richiesta di incontro con i segretari dei partiti della maggioranza per chiedere la cancellazione dal testo del ddl stabilità delle misure che, stravolgendo unilateralmente il contratto di lavoro, determinerebbero un forte aumento dell'orario di servizio dei docenti abbassandone di fatto le retribuzioni; presìdi presso le sedi politiche e parlamentari; sospensione delle relazioni sindacali col Ministero dell'Istruzione.

Sono le decisioni prese oggi pomeriggio dai segretari generali di Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Fgu dopo che nei giorni scorsi era andato a vuoto il tentativo di conciliazione sul mancato pagamento degli scatti di anzianità.

Quella del riconoscimento dell'anno 2011 ai fini delle progressioni economiche e di carriera, spiegano i sindacati, è la motivazione iniziale dello sciopero, a cui si sono aggiunte le misure contenute nel disegno di legge di stabilità, nei confronti delle quali è netto il dissenso delle quattro organizzazioni che, insieme, avevano a suo tempo rivendicato e ottenuto l'intesa per il graduale recupero delle anzianità 'tagliate' dalla manovra economica dell'estate 2010.

Secondo i sindacati inoltre "la sospensione delle relazioni sindacali col Ministero, che per l'inaffidabilità della controparte rischiano spesso di rivelarsi inconcludenti, è stata decisa per rimarcare in modo forte la denuncia delle pesanti invasioni di campo su materie contrattuali e la perdurante latitanza del Governo, che ha fin qui impedito l'avvio della trattativa all'Aran per il recupero delle progressioni economiche".

Domani sarà diffuso un documento che i segretari generali stanno predisponendo per una più articolata illustrazione delle motivazioni di un'azione sindacale che, assumendone il forte disagio e l'indignazione, punta a raccogliere ed esprimere la più vasta unità della categoria.

http://www.cislscuola.it/content/20121015-24-novembre-sciopero-e-manifestazione

Save Children: gli italiani buttano 29 euro alimenti ogni mese

Autore: Redazione MTV News Data: 16 ottobre 2012 Commenta
Save Children: gli italiani buttano 29 euro alimenti ogni mese

Il 46% compra un po più del necessario, il 5% molto di più

Milano, 16 ott. (TMNews) - Gli italiani continuano a sprecare il cibo, anche se in misura minore che in passato, e buttano circa 29 euro di prodotti alimentari ogni mese. Quasi un italiano su cinque butta via del cibo ogni settimana (19%), l'8% lo fa addirittura ogni giorno, mentre solo un terzo degli italiani (32%) lo fa meno spesso di una o due volte al mese. In alcune regioni, però le percentuali cambiano radicalmente: in Campania ben il 16% della popolazione butta quotidianamente del cibo (a cui si aggiunge il 21% che lo va almeno una volta alla settimana), seguita dalla Sicilia con il 14% (con un 30% che spreca cibo almeno una volta ogni 7 giorni). Esempi virtuosi Trentino Alto Adige, in cui quasi la metà della popolazione butta il cibo meno spesso di una o due volte al mese (45%) e la Sardegna (43%).

In media finiscono nella pattumiera circa 29 euro di prodotti alimentari al mese, ma con dei picchi che raggiungono i 43 euro in Abruzzo, i 37 in Liguria e i 35 in Lazio, contro i 15 euro della Sardegna e i 19 della Basilicata. Questi alcuni dei dati che emergono dalla ricerca "Gli sprechi alimentari in Italia", condotta da Ipsos per Save the Children, alla vigilia della Giornata Mondiale dell'Alimentazione e dell'avvio del mese di sensibilizzazione e raccolta fondi legato ad Every One, la campagna dell'Organizzazione per combattere la mortalità infantile, cioè l'assurda morte di 6,9 milioni di bambini all'anno per cause prevenibili e curabili.

Benché quasi la metà degli italiani (49%) sia attento a comprare lo stretto necessario, il 46 % di essi compra un po' di più del necessario e un 5% molto di più. La regione più oculata negli acquisti appare l'Emilia Romagna, con un 65% della popolazione che si dichiara attenta a comprare solo lo stretto necessario, seguita dalla Calabria (60%) e dall'Umbria (59%). Al di sotto della media nazionale tra le regioni meno attente ad acquistare ciò che serve davvero, il Trentino Alto Adige (in cui la percentuale di chi compra l'essenziale scende al 42%), Basilicata e Abruzzo (44%). In Abruzzo, ben il 15% degli intervistati compra molto di più del cibo che effettivamente gli serve.

Negli ultimi due anni, tuttavia, spiega Save the Children, gli sprechi alimentari sono in calo per i due terzi degli intervistati: per il 64% degli italiani, infatti, gli sprechi nella propria famiglia sono diminuiti, contro un 28 % che mantengono costanti i propri comportamenti. Per contro, per un residuo 8% gli sprechi alimentari sono aumentati.

http://www.savethechildren.it/

Profumo: ridisegnare ruolo insegnati, tornino maestri di vita

Autore: Redazione MTV News Data: 15 ottobre 2012 Commenta
Profumo: ridisegnare ruolo insegnati, tornino maestri di vita

Così il ministro in un messaggio ai docenti

Milano, 15 ott. (TMNews) - Ridisegnare il ruolo degli insegnanti che devono tornare a essere come dei maestri di vita per gli studenti. E' questa una delle priorità per affrontare la sfida del futuro della scuola italiana secondo Francesco Profumo. Secondo il ministro, più ai docenti sempre più "spetterà il compito non solo di condividere le proprie conoscenze, ma anche di orientare gli studenti, attraverso gli strumenti logico-deduttivi, nel flusso indistinto di informazioni. Come 'direttori d'orchestra', aiuteranno i ragazzi a organizzare i diversi saperi".

"Per questo - ha aggiunto Profumo in un messaggio agli insegnanti di Azione Cattolica - il Miur ha intrapreso, pur in tempi di difficile congiuntura, la via maestra del rinnovamento del personale docente nelle scuole e nelle università, con il concorso e le procedure di abilitazione scientifica nazionale, proprio per far sì che sia una nuova generazione ad assumersi la responsabilità di rispondere alle sfide del futuro".

http://www.istruzione.it/web/hub;jsessionid=537F63C888F323C6FF1714800ABFE4F8

Calendario