MTV News

Grecia, oggi Eurogruppo: ultima chance per aiuti ad Atene

Autore: Redazione MTV News Data: 20 febbraio 2012
Grecia, oggi Eurogruppo: ultima chance per aiuti ad Atene

Atteso via libera a programma dopo esitazioni di settimane scorse

Bruxelles, 20 feb. (TMNews) - Si svolge oggi pomeriggio a Bruxelles la riunione mensile dei ministri delle Finanze dell'Eurozona (Eurogruppo), dedicata quasi esclusivamente al nuovo programma per il salvataggio della Grecia, per il quale ci si attende un chiaro via libera, dopo le esitazioni e la drammatizzazione delle scorse settimane, che hanno creato una gravi divisioni in seno all'Ue.

A poche ore dalla riunione, diversi fattori fanno pesare la bilancia a favore di un risultato positivo: sono state realizzate tutte e tre le condizioni poste dai ministri finanziari nel loro ultimo incontro straordinario, mercoledì 9 febbraio; il ministro tedesco Wolfgang Schaueble, finora alla testa dei 'falchi' rigoristi contro Atene, ha dichiarato tramite il suo portavoce che "siamo prossimi ad avere una solida base per prendere una decisione lunedì"; la Commissione europea, si legge in una nota di venerdì scorso, "si aspetta che l'Eurogruppo prenda in questa riunione tutte le decisioni necessarie per il secondo piano di aiuti alla Grecia", ciò che sarebbe "saggio, giudizioso e raccomandabile" secondo il presidente dell'Eurogruppo, Jean-Claude Juncker.

E sempre venerdì, a seguito di una conversazione telefonica a tre, si sono detti "fiduciosi" nella possibilità di conseguire un accordo il premier italiano Mario Monti (che parteciperà all'Eurogruppo nella sua qualità di ministro dell'Economia) la cancelliera tedesca Angela Merkel e il premier greco, Lucas Papademos.

Che sia davvero l'ultima chance per Atene lo dimostra il fatto che ieri pomeriggio, inaspettatamente, è arrivato a Bruxelles proprio Papademos, per 'preparare il terreno' e probabilmente per partecipare all'Eurogruppo insieme al suo ministro delle Finanze, Evangelos Venizelos. Il premier greco ha anche inviato un messaggio sibillino su Twitter, esortando la stampa ad "attendere gli annunci effettivi lunedì, prima di riferire gli esiti" dell'Eurogruppo.

Dopo l'approvazione parlamentare del programma di austerità, nonostante le proteste di piazza, la più difficile da attuare delle tre condizioni chieste dall'Eurogruppo è stata l'individuazione di un nuovo taglio da 325 milioni di euro del deficit strutturale greco. Si era parlato di riduzioni del bilancio della Difesa, ma sembra che alla fine sul tavolo sarà messa la decisione, approvata sabato dal governo, di ridurre ulteriormente le pensioni, come aveva chiesto fin dall'inizio la Trojka (Ue-Bce-Fmi). Qualche problema, ormai superato, c'era stato anche per la seconda condizione, l'impegno scritto dei leader dei partiti di maggioranza (ormai ridotti a due, i conservatori di Nd e socialisti del Pasok ) a portare avanti il programma di austerità anche dopo le elezioni di aprile.

Fra i motivi di ottimismo, c'è l'accordo, dato ormai quasi per scontato, con i creditori del settore privato per la ristrutturazione parziale del debito greco, con il dimezzamento dei 200 miliardi di euro (su 350 miliardi in totale) che banche e fondi d'investimento europei detengono sottoforma di obbligazioni. L'unica cosa che potrebbe rimetterlo in discussione sarebbe un mancato via libera al piano pubblico di aiuti, a cui l'accordo con i privati è legato. Inoltre, sembra essere stato accettato da parte greca il meccanismo, proposto dall'asse franco tedesco, secondo cui una parte dei nuovi aiuti verrebbe versata a un 'conto vincolato', invece che allo Stato greco, per pagare in priorità gli interessi ai creditori di Atene, se necessario chiudendo il rubinetto per le altre voci del bilancio.

http://www.bbc.co.uk/news/world-europe-17092964

Calendario

  • settembre: 2014
    L M M G V S D
    « ago    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930