MTV News

La storia di oggi

Isolani: La storia di Matteo

Autore: Redazione MTV News Data: 18 aprile 2014 Commenta

Attenzione! Il reportage può avere un contenuto ed un linguaggio non adatto ai minori.

Matteo è uno dei primi studenti del suo istituto e un vero genio di matematica. E’ stato uno dei 20 studenti invitati a Montecitorio in occasione delle celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia. Andrà via dall’isola per andare all’Università, anche se da piccolo non avrebbe mai pensato di lasciare “il suo Scoglio”

 

Tutte le notizie

Nevicata record in Giappone, una decina di morti e 1200 feriti

Autore: Redazione MTV News Data: 9 febbraio 2014 Commenta
Nevicata record in Giappone, una decina di morti e 1200 feriti

A Tokyo la peggiore tempesta degli ultimi 45 anni

Milano, 9 feb. (TMNews) - La neve mette in ginocchio il Giappone: un bilancio provvisorio parla di 11 vittime e 1200 feriti a causa delle nevicate che si sono abbattute sull'arcipelago. Nel Tohoku, il nordest del Paese colpito dal sisma e dal successivo tsunami dell'11 marzo 2011, la zona più direttamente interessata dalla perturbazione, ci sono livelli record: 38 cm di neve a Ishinomaki, città nella prefettura di Miyagi, con mai visti negli ultimi 91 anni.

Non va meglio a Tokyo dove non nevicava dal 2001, la tempesta, considerata dalla Japan Meteorological Agency la peggiore degli ultimi 45 anni, ha lasciato 27 cm di manto. Se nella città le precipitazioni sono nelle ultime ore diminuite di intensità, ancora molti problemi vengono registrati lungo le principali autostrade e linee ferrovie della parte settentrionale e orientale del paese, che secondo il servizio meteorologico nipponico verrà colpita ancora la prossima notte da intense nevicate.

http://www.jma.go.jp/jma/indexe.html

http://www.jma.go.jp/jma/indexe.html

Sesso con minorenni, per un italiano su 3 può essere accettabile

Autore: Redazione MTV News Data: 9 febbraio 2014 Commenta
Sesso con minorenni, per un italiano su 3 può essere accettabile

Ma tra i "tolleranti" la metà lo giustifica solo in alcuni casi

Milano, 9 feb. (TMNews) - Sesso con minori: per il 38% degli adulti è "accettabile" o può esserlo in determinate circostanze. Lo rileva un sondaggio commissionato da Save the children, che delinea, secondo l'associazione che si occupa dei diritti dei bambini, "uno scenario molto inquietante".

Secondo la ricerca realizzata da Ispos su un campione rappresentativo della popolazione tra i 25 e i 65 anni, per il 62 per cento della popolazione una relazione di tipo sessuale, virtuale o fisica, non è mai accettabile. Per il 18 per cento sarebbe accettabile solo se fosse consensuale, o se la famiglia dell'adolescente ne sia al corrente, o se l'adolescente in causa sia "più maturo della media". Per il 20 per cento degli italiani che lo ritengono accettabile in ogni caso, le motivazioni principali sono "perché ciascuno è libero di fare ciò che crede, se è quello che vuole"; "perché gli adolescenti oggi sono più maturi"; "perché è una cosa naturale".

Tra gli over 45, sono molti coloro che si affacciano alla rete per colmare un importante vuoto relazionale e affettivo della vita reale: il 37% degli italiani infatti afferma di utilizzare il web - soprattutto i social network - per conoscere persone disponibili a fare amicizia o ad intrattenere un rapporto di affetto o amore. Il 28% degli adulti ha tra i propri contatti adolescenti che non conosce personalmente. L'81% degli italiani pensa che le interazioni sessuali tra adulti e adolescenti siano diffuse e trovino in internet il principale strumento per iniziare e sviluppare la relazione, che può sfociare nell'incontro fisico. Un italiano su 10 attribuisce la responsabilità dell'iniziativa di contatto agli adolescenti.

"Non ci aspettavamo un grado di tolleranza così alto dei rapporti da parte l'opinione pubblica che, a nostro avviso, prelude ad un'accettazione di una deresponsabilizzazione e di un disimpegno degli adulti rispetto al loro ruolo nei confronti degli adolescenti", ha osservato Valerio Neri, direttore Generale di Save the Children, rivolgendosi "alla società civile, così come a tutti gli attori coinvolti: gli adulti tutti, gli adolescenti, i media, le istituzioni e gli organi di controllo al fine di innescare un dibattito continuativo sul ruolo educativo e sulle responsabilità degli adulti in genere, che siano o meno genitori, nei confronti degli adolescenti".

Il 49% degli intervistati attribuisce agli adulti la responsabilità dell'iniziativa di contatto nell'interazione con un adolescente, ma secondo il 41% anche gli adolescenti hanno una parte attiva nell'iniziativa del contatto (per il 33% condividono questa responsabilità con gli adulti, mentre per quasi 1 italiano su 10, sono i ragazzi i principali responsabili).

http://www.savethechildren.it/informati/comunicati/interazioni_sessuali_tra_adulti_e_adolescenti_accettabili_per_il_38_per_cento_degli_italiani_siano_esse_virtuali_o_fisiche_il_28_per_cento_degli_adulti_tra_i_45_e_i_65_anni_ha_tra_i_propri_contatti_giovani_che_non_conosce_personalmente

Le lacrime di SuperMario: Balotelli piange in panchina

Autore: Redazione MTV News Data: 9 febbraio 2014 Commenta
Le lacrime di SuperMario: Balotelli piange in panchina

Dopo la sostituzione al termine della sfida di Napoli

Milano, 9 feb. (TMNews) - Le lacrime che non ti aspetti: sostituito dopo una prestazione deludente al San Paolo di Napoli, Mario Balotelli è scoppiato a piangere in panchina, mostrando per una volta la sua parte più fragile, in mezzo a tante pose da duro. Delusione e frustrazione negli occhi spaesati di un SuperMario diverso da quello che siamo abituati a conoscere.

Una partita incolore quella di Balotelli, più volte beccato dal pubblico azzurro, che hanno indotto Clarenze Seedorf, quando mancavano 15 minuti alla fine, a sostituirlo con Giampaolo Pazzini. Assediato dai fotografi, il giocatore si è poi coperto il volto con la giacca della tuta.

Il tecnico del Milan, Clarence Seedorf, ha commentato dicendo che sono cose che capitano a tutti, è umano".

http://www.mariobalotelli.it/it/home/

Finita la fuga di Domenico Cutrì: l’ergastolano arrestato

Autore: Redazione MTV News Data: 9 febbraio 2014 Commenta
Finita la fuga di Domenico Cutrì: l'ergastolano arrestato

Era evaso dal carcere di Gallarate dopo una sparatoria

Milano, 9 feb. (TMNews) - E' finita la fuga di Domenico Cutrì, il boss ergastolano scappato lunedì scorso dal carcere di Gallarate dopo una sanguinosa sparatoria nella quale era rimasto ucciso il fratello Nino. Il 31enne è stato bloccato dai carabinieri in una casa in costruzione a Inveruno, il paese natale di Cutrì, nell'Alto Milanese.

Con lui c'era l'ultimo complice, Luca Greco. Nella casa, al piano terra, che un cortile separa da altri locali e da un piccolo gabinetto, c'erano pasta, riso, farina, pane, biscotti, merendine, bottiglie d'acqua e di latte, un piccolo fornello e tabacco, tutti rifornimenti per proseguire il più possibile la latitanza. Sul pavimento erano sparsi i quotidiani con le pagine di questi giorni che hanno raccontato la caccia intensa, asfissiante, condotta dai carabinieri coordinati dalla Procura di Busto Arsizio. Cutrì era armato di una pistola ma non ha nemmeno avuto il tempo di capire cose stesse accadendo che già era in manette.

Per catturare Domenico Cutrì nel suo ultimo covo a Inveruno, i carabinieri hanno usato la tecnica del "taglio dei rami secchi". E per riuscire ad individuare dove si trovasse e quelli che sarebbero stati i suoi movimenti hanno ricostruito "l'intera vita criminale" dell'evaso. In sostanza, gli sono stati tolti tutti gli appoggi, con il fermo degli altri componenti della banda e Cutrì è stato costretto a trovare un covo di fortuna, vivendo in condizioni notevolmente disagiate. Lo hanno spiegato gli investigatori in una conferenza stampa a cui hanno partecipato il comandante provinciale di Varese, Alessandro De Angelis, quello del reparto operativo, Loris Baldassarre e il comandante della sezione del Ros di Milano, Giovanni Sozzo. Alla conferenza stampa sono presenti anche il procuratore della repubblica di Busto Arsizio, Gianluigi Fontana e la pm titolare delle indagini Raffaelle Zappatini.

http://www.prealpina.it/notizie/alto-milanese/2014/2/9/arrivano-i-gis-fine-della-fuga-preso-domenico-cutri/2925824/55/

Un italiano su tre vive da solo, +41% in 10 anni

Autore: Redazione MTV News Data: 8 febbraio 2014 Commenta
Un italiano su tre vive da solo, +41% in 10 anni

Famiglie con un unico componente salite a circa 7,7 milioni

Milano, 8 feb. (TMNews) - Quasi un italiano su tre vive da solo (31 per cento) con le famiglie composte da un unico componente che sono salite a quasi 7,7 milioni, con un aumento record del 41 per cento in dieci anni. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dell'ultimo censimento Istat sulla popolazione e famiglie in Italia.

In Italia sono passate da 5.427.621 (24,9 per cento del totale) a 7.667.305 (31,2 per cento del totale) le cosiddette famiglie unipersonali per effetto - sottolinea la Coldiretti - dei profondi mutamenti demografici e sociali che si sono verificati.

La tendenza all'aumento si osserva su tutto il territorio italiano - precisa la Coldiretti - ma le percentuali piu' elevate di "single"si registrano in Liguria (40,9 per cento), la Valle d'Aosta (39,6 per cento) e Friuli-Venezia Giulia (35,6 per cento), mentre percentuali più basse del valore nazionale si hanno per quasi tutte le regioni del Meridione, secondo l'analisi relativa al periodo 2001 -2011.

Con il maggior numero di italiani che vivono da soli si è verificata- sottolinea la Coldiretti - una forte crescita del numero di unità familiari presenti in Italia che solo salite a 24.611.766, con un aumento dell'11,5 per cento in dieci anni. Il cambiamento della struttura familiare - afferma la Coldiretti - influenza profondamente i bisogni ed i comportamenti socioeconomici degli italiani.

http://www.coldiretti.it/Pagine/default.aspx

Woody Allen replica al New York Times "Non ho molestato Dylan"

Autore: Redazione MTV News Data: 8 febbraio 2014 Commenta
Woody Allen replica al New York Times Non ho molestato Dylan

Regista si scaglia contro ex compagna Mia Farrow

Milano, 8 feb. (TMNews) - "Non ho molestato Dylan". Questa è la verità di Woody Allen che, a una settimana dalla lettera della sua ex figliastra al New York Times si difende dalle accuse di abusi sessuali proprio sulle pagine dello stesso quotidiano: "Le volevo bene e spero che un giorno capisca che sua madre l'ha privata dalla possibilità di avere un padre che l'amava e che è stata sfruttata da una madre più interessata alla sua rabbia personale che al benessere della figlia". A sua discolpa Allen scrive: "Non l'avrei fatto nella soffitta, soffro di claustrofobia".

Riguardo alle affermazioni di Ronan Farrow, unico figlio biologico del regista, che ha disconosciuto il padre a favore di Frank Sinatra, Allen ha dichiarato: "Vero, somiglia a Sinatra. Ma se è così, cosa significa? Che durante la battaglia sull'affidamento, lei ha mentito sotto giuramento affermando che Ronan era figlio nostro? Anche se non è di Frank, la sua possibilità solleva il dubbio che andasse a letto con Sinatra mentre stavamo assieme. Senza parlare di quel che ho pagato in alimenti. Mantenevo il figlio di un altro?".

Ma la polemica, che si è riaccesa a vent'anni dai fatti in questione, potrebbe costare ben più cara ad Allen di un assegno mensile, compromettendo la lanciatissima corsa agli Oscar del film "Blue Jasmine".

http://www.woodyallen.com/

L’Infanta Cristina di Spagna davanti ai giudici

Autore: Redazione MTV News Data: 8 febbraio 2014 Commenta
L'Infanta Cristina di Spagna davanti ai giudici

Imputata per frode fiscale al tribunale di Palma di Maiorca

Milano, 8 feb. (TMNews) - Volto sorridente ma teso, saluta con la mano giornalisti e telecamere in attesa. L'Infanta Cristina di Borbone è arrivata al tribunale di Palma di Maiorca per essere interrogata. Per la figlia minore del re di Spagna Juan Carlos l'accusa è di frode fiscale. E' la prima volta che una testa coronata di Spagna si presenta davanti ai giudici.

Il principale imputato nella vicenda - che ha leso non poco l'immagine già offuscata della Famiglia Reale - è il marito di Cristina, Iñaki Urdangarin, finito sotto inchiesta per un caso di corruzione che riguarda la Fondazione Noos, un ente per la promozione dello sport da lui presieduta tra il 2004 e il 2006.

Secondo la magistratura, la Fondazione avrebbe organizzato diversi eventi legati al mondo dello sport giustificando con fatture false o gonfiate i soldi pubblici ricevuti dal governo regionale delle Baleari, per un totale di oltre 6 milioni di euro.

http://www.casareal.es/ES/Paginas/home.aspx Alcune e-mail consegnate da Diego Torres, ex socio di Urdangarin ai magistrati proverebbero che il marito della infanta avrebbe spiegato alla moglie i dettagli del funzionamento dell'Istituto Noos, della cui direzione Cristina faceva parte e che sarebbe stato lo strumento con il quale Urdangarin e Torres avrebbero intascato contributi pubblici non dovuti.

Sochi 2014, primo oro dei Giochi per l’americano Kotsenburg

Autore: Redazione MTV News Data: 8 febbraio 2014 Commenta
Sochi 2014, primo oro dei Giochi per l'americano Kotsenburg

La prima medaglia arriva dallo snowboard

Milano, 08 feb. (TMNews) - Sage Kotsenburg è la prima medaglia d'oro di questi Giochi Olimpici invernali di Sochi 2014. L'americano ha conquistato il gradino più alto del podio nello snowboard, specialità slopestyle, con il punteggio di 93.50, realizzato nella prima delle due manche a disposizione. Kotsenburg ha preceduto il norvegese Staale Sandbech, argento con 91.75 punti, e il canadese Mark McMorris, bronzo con 88.75.

Sage Kotsenburg, classe 1993, oltre ad essere la prima medaglia d'oro di questa edizione dei Giochi, è anche il primo vincitore in assoluto della storia dello slopestyle, specialità nuova dello snowboard a livello olimpico che si è disputata tra gli ostacoli dell'Extreme Park a Rosa Khutor.

http://www.sochi2014.com/en

La storia di Paola

Autore: Redazione MTV News Data: 7 febbraio 2014 Commenta

“Tutto ciò che sappiamo lo abbiamo imparato dalla strada” è questa la grande certezza di Paola, che, insieme al suo fedelissimo gruppo di amiche è riuscita a superare momenti molto duri.

La vita a Cornigliano (periferia di Genova) non è delle più facili.

Ma con l’aiuto delle amiche e il sogno di aprire un bar si supera tutto!

 

Fondatore del metodo Stamina Davide Vannoni rinviato a giudizio

Autore: Redazione MTV News Data: 7 febbraio 2014 Commenta
Fondatore del metodo Stamina Davide Vannoni rinviato a giudizio

Accusa di tentata truffa alla Regione Piemonte

Milano, 7 feb. (TMNews) - L'inventore del metodo Stamina, Davide Vannoni, è stato rinviato a giudizio nel processo per la tentata truffa alla Regione Piemonte. Davanti al Gup gli è stato contestato il tentativo di ottenere un finanziamento da 500 mila euro che sarebbe servito ad aprire un laboratorio per le cellule staminali nel 2008. Il suo avvocato, Roberto Piacentino, ha chiesto assoluzione e in subordine la prescrizione del reato perché i fatti risalgono al 2007 (se si tiene conto la richiesta di finanziamento) o al 2008 (se invece si fa riferimento al rifiuto regionale di concedere il finanziamento).

Vannoni oggi non era in udienza, ma ha diffuso in una nota una dichiarazione: "Speravo che la vicenda si risolvesse già oggi, vuol dire che dimostreremo in dibattimento la mia innocenza. Sono assolutamente sereno. Non sono io a dire che non ho commesso il reato a parlare sono i documenti e li porteremo in dibattimento". La prima udienza del processo è fissata per il 3 aprile.

http://www.staminafoundation.org/

https://www.facebook.com/pages/Davide-Vannoni/361525693960430

Calendario