MTV News

Iran: in carcere per il volley

Autore: Redazione MTV News Data: 2 novembre 2014 Commenta

Iran: in carcere per il volley

Una 25enne arrestata dopo aver cercato di assistere a una partita

(Agr) Ghoncheh Ghavami, 25enne britannica di origine iraniana, è stata condannata a un anno di carcere per aver cercato di assistere a una partita di pallavolo maschile, l’incontro di World League Iran-Italia.

La giovane era già stata arrestata lo scorso 20 giugno e rinchiusa in prigione a Teheran, poi rilasciata e ora condannata con l’accusa di propaganda contro il governo.

Boko Haram: niente tregua

Autore: Redazione MTV News Data: 1 novembre 2014 Commenta

Boko Haram: niente tregua

Le studentesse rapite convertite all’Islam e date in sposa ai miliziani

Le 219 studentesse nelle mani dei miliziani di Boko Haram si sono convertite all’Islam e sono state date in sposa ai loro sequestratori. Lo ha annunciato il leader del gruppo islamista Abubakar Shekau, che ha smentito di aver accettato una tregua con il governo della Nigeria. Le ragazze erano state rapite in un collegio cattolico nel nord del Paese. L’episodio aveva dato il via ad una campagna internazionale per il loro rilascio.

Obama: “No donne pagate meno”

Autore: Redazione MTV News Data: 1 novembre 2014 Commenta

Il presidente degli Stati Uniti si rivolge all’elettorato femminile

“Le donne devono avere una paga equa e le stesse possibilità di successo sul lavoro degli uomini, non ci possono essere cittadini di seconda classe”. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama parla all’elettorato femminile. Le dichiarazioni a quattro giorni dal voto di midterm, che rinnoveranno i rappresentanti di Camera, Senato ed eleggeranno 36 nuovi governatori.

Golpe militare in Burkina Faso

Autore: Redazione MTV News Data: 1 novembre 2014 Commenta

Golpe militare in Burkina Faso

Il colonnello Isaac Zida afferma di aver preso il potere nel paese

Golpe militare in Burkina Faso. Il colonnello Isaac Zida ha affermato di aver preso il potere nel paese dopo le dimissioni del presidente Blaise Compaorè. Nei giorni scorsi si erano registrate violente proteste contro Compaorè, intenzionato a prolungare il suo mandato dopo 27 anni. Il presidente ha lasciato la capitale Ouagadougou.

Incidente a navicella Virgin

Autore: Redazione MTV News Data: 1 novembre 2014 Commenta

Incidente a navicella Virgin

La navetta spaziale si è schiantata durante un test di volo in California

Incidente alla SpaceShipTwo, la navetta spaziale privata della compagnia Virgin Galactic, progettata per portare turisti in orbita. E’ successo durante un test di volo sul deserto del Mojave, in California. Un pilota è morto, l’altro è rimasto ferito in modo grave. “Il progetto va avanti” ha affermato il proprietario di Virgin, Richard Branson.

Birmania, presidente avvia dialogo storico per elezioni 2015

Autore: Redazione MTV News Data: 31 ottobre 2014 Commenta
Birmania, presidente avvia dialogo storico per elezioni 2015

Presente anche Aung San Suu Kyi

Milano, 31 ott. (TMNews) - Un nuovo passo verso la democrazia. Il presidente birmano Thein Sein ha avviato colloqui senza precedenti con la leader dell'opposizione birmana Aung San Suu Kyi, in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno. Il dialogo ha visto coinvolti anche il capo dell'esercito, i presidenti delle due camere del parlamento e gli altri partiti dell'opposizione: è la prima volta che si tiene un incontro di tale ampiezza, dopo lo scioglimento della giunta militare, nel 2011.

Il capo dello Stato e il premio Nobel per la pace si sono riuniti a Naypyidaw solo poche ore dopo che il presidente americano Barack Obama aveva parlato con i due leader, per sottolineare l'importanza di tenere elezioni "trasparenti e credibili". Il voto si terrà l'ultima settimana di ottobre o la prima settimana di novembre del 2015.

La Lega nazionale per la democrazia di Suu Kyi è data per favorita: una volta ottenuta la maggioranza in parlamento, il premio Nobel potrebbe diventare presidente.

http://www.freeburmacoalition.org/

Golpe in Burkina Faso, l’esercito prende potere

Autore: Redazione MTV News Data: 31 ottobre 2014 Commenta
Golpe in Burkina Faso, l'esercito prende potere

Presidente Compaoré: non mi dimetto, pronto al dialogo

Milano, 31 ott. (TMNews) - Il Burkina Faso sprofonda nel caos. La protesta popolare contro una modifica costituzionale che avrebbe permesso allo storico presidente Blaise Compaoré di ricandidarsi ed essere rieletto è deflagrata in un golpe dei militari. Nella rivolta popolare a seguito del golpe, una trentina di persone sono morte e almeno altre 100 rimaste ferite negli scontri. L'esercito ha annunciato lo scioglimento del governo e dell'Assemblea nazionale, l'entrata in vigore di un coprifuoco e l'istituzione di un organo di transizione. "Visto il deterioramento della situazione nazionale, il disfacimento delle istituzioni della repubblica e la necessità di preservare il Paese dal caos, il potere esecutivo e quello legislativo saranno assunti da un organo di transizione, con l'obiettivo di un ritorno all'ordine costituzionale "in un periodo di dodici mesi", secondo un comunicato del capo di stato maggiore dell'esercito Nabéré Honoré Traoré, letto da un ufficiale durante una conferenza stampa. Il presidente del Burkina Faso Blaise Compaoré ha però annunciato che non intende dimettersi, ma ha revocato lo stato di emergenza che aveva imposto dopo le violenze scoppiate nella capitale e si è detto "disponibile" al dialogo. http://www.viaggiaresicuri.it/?burkina_faso

Oxfam: il divario fra ricchi e poveri è sempre più grande

Autore: Redazione MTV News Data: 30 ottobre 2014 Commenta
Oxfam: il divario fra ricchi e poveri è sempre più grande

Da inizio crisi il numero di miliardari è raddoppiato

Milano, 30 ott. (TMNews) - Il divario fra ricchi e poveri nel mondo è sempre più grande e rende vano ogni tentativo di lotta contro la povertà estrema. Il dato sconsolante emerge dall'ultimo rapporto dell'Oxfam, network internazionale di 17 organizzazioni impegnate contro la povertà e l'ingiustizia. Dal 2009, quando cominciò la crisi, il numero di miliardari nel mondo è più che raddoppiato mentre 805 milioni di poveri soffrono la fame. Tra il 2013 e il 2014, le 85 persone più ricche al mondo hanno aumentato la loro ricchezza di 668 milioni di dollari al giorno, significa quasi mezzo milione di dollari ogni minuto. La mancata distribuzione equa della ricchezza nel mondo, fenomeno che si è diffuso fino in Africa, è sempre più un ostacolo alla crescita economica di tutti e al benessere di tutti. Eppure secondo l'Oxfam solo l'1,5% delle super-ricchezze basterebbe per garantire istruzione e sanità a tutti i cittadini dei paesi più poveri. http://www.oxfamitalia.org/

Lago d’Aral prosciugato, l’Uzbekistan chiede aiuto internazionale

Autore: Redazione MTV News Data: 30 ottobre 2014 Commenta
Lago d'Aral prosciugato, l'Uzbekistan chiede aiuto internazionale

Devastato dai piani d'irrigazione sovietici degli anni '60

Milano, 30 ott. (TMNews) - Il Lago di Aral, secondo le ultime immagini, si è completamente prosciugato. Per questo motivo, l'Uzbekistan ha lanciato un appello per ulteriore aiuto internazionale per salvare lo specchio d'acqua ormai vuoto. Quello del Lago d'Aral è considerato uno dei peggiori disastri ambientali dell'Asia centrale. A devastarlo sono stati, in particolare, i progetti d'irrigazione sovietici degli anni '60. Foto via satellite della Nasa, il mese scorso, hanno mostrato che il bacino meridionale del lago, una volta il quarto più grande specchio d'acqua interno, è completamente prosciugato "per la prima volta nella storia moderna". Il presidente uzbeko Islam Karimov ha chiesto una conferenza internazionale di esperti e donatori per venire in aiuto del lago. "I Paesi della regione non hanno sufficienti fondi e strumenti logistici per affrontare le conseguenze ambientali, socio-economiche e umanitarie del disastro", ha scritto Karimov in un appello. "Oggi - ha aggiunto il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon in un videomessaggio - il mare d'Aral è sull'orlo dell'estinzione. Questa perdita avrà effetti su milioni di persone in Uzbekistan e fuori". L'estinzione dell'Aral è considerato il peggiore disastro ambientale mai provocato dall'uomo. Il suo prosciugamento è ritenuto da alcuni esperti un cataclisma, in una regione in cui già si sono prodotte tensioni proprio per la distribuzione dell'acqua. Oltre alla distruzione dell'industria della pesca e delle altre industrie che vivevano del rapporto con il lago, c'è un grave problema d'inquinamento. Ogni anno migliaia di tonnellate di polvere piena di sale, per lo più contaminata da pesticidi, si diffonde provocando danni alla salute. http://www.dailymail.co.uk/news/article-1263516/How-Aral-Sea--half-size-England--dried-up.html

Australia: piano previsto non salverà Grande barriera corallina

Autore: Redazione MTV News Data: 29 ottobre 2014 Commenta
Australia: piano previsto non salverà Grande barriera corallina

Accademia delle Scienze: punta solo a obiettivo a breve termine

Milano, 29 ott. (TMNews) - Il piano d'azione australiano per proteggere la Grande barriera corallina non è sufficiente, non prevede un impegno a lungo termine e non impedirà il degrado dei coralli: lo ha stimato oggi l'Accademia delle scienze australiana. Il progetto, svelato il mese scorso, deve rispondere alle preoccupazioni delle Nazioni Unite riguardanti lo stato della Grande barriera, che l'Unesco ha minacciato di includere nella lista del patrimonio naturale "in pericolo". Il ministro australiano per l'Ambiente, Greg Hunt, ha spiegato che il piano è stato progettato con l'obiettivo di trovare il giusto equilibrio tra tutela del corallo e sviluppo sostenibile. Ma l'Accademia delle scienze ha giudicato che il piano ignora l'impatto del cambiamento climatico e non risolve i problemi legati alla qualità dell'acqua, allo sviluppo costiero e alla pesca. "La scienza è molto chiara: la barriera è degradata e il suo stato sta peggiorando. Il piano non migliorerà la situazione", ha detto Terry Hughes, membro dell'Accademia. Inoltre, "il piano sembra anche troppo concentrato sull'obiettivo a breve termine per rispondere alle preoccupazioni dell'Unesco, piuttosto che sulla sfida a lungo termine del ripristino della barriera", ha aggiunto l'esperto. http://www.smh.com.au/technology/sci-tech/scientific-academy-slams-governments-great-barrier-reef-plan-20141027-11cjwj.html

Calendario