MTV News

L’epidemia di Ebola potrebbe finire "fuori controllo"

Autore: Redazione MTV News Data: 27 agosto 2014 Commenta
L'epidemia di Ebola potrebbe finire fuori controllo

A lanciare l'allarme Peter Piot, co-scopritore del virus

Milano 27 ago. (TMNews) - Esistono tutte le condizioni perché l'epidemia di Ebola in Africa occidentale "finisca fuori controllo": lo ha affermato Peter Piot, co-scopritore del virus, criticando la "straordinaria lentezza" dell'Organizzazione Mondiale per la Sanità a rispondere all'emergenza.

"Non avevamo mai visto un'epidemia di una tale ampiezza, da sei mesi stiamo assistendo a una cosiddetta 'tempesta perfetta': ci sono tutte le condizioni necessarie perché l'epidemia finisca fuori controllo", ha dichiarato Piot in un'intervista rilasciata al quotidiano francese "Liberation".

L'epidemia - costata la vita a circa 1.500 persone - "esplode in Paesi in cui i servizi sanitari non funzionano, smantellati da decenni di guerre, e dove inoltre la popolazione nutre una totale mancanza di fiducia nelle autorità" ha sottolineato Piot, osservando come l'Oms "non si sia svegliata che a luglio" mentre l'allarme era già stato lanciato ai primi di marzo, quattro mesi dopo l'inizio dell'epidemia.

http://www.liberation.fr/monde/2014/08/25/toutes-les-conditions-sont-reunies-pour-que-l-epidemie-d-ebola-s-emballe_1086757 http://www.bbc.com/news/health-28105531

In migliaia ai funerali di Michael Brown, ucciso dalla polizia

Autore: Redazione MTV News Data: 26 agosto 2014 Commenta
In migliaia ai funerali di Michael Brown, ucciso dalla polizia

La folla a mani alzate, stesso gesto del 18enne prima di morire

Milano, 26 ago. (TMNews) - Migliaia di persone hanno partecipato a St. Louis, in Missouri, ai funerali di Micheal Brown, il 18enne di colore ucciso dalla polizia a Ferguson, diventato simbolo delle proteste contro le forze dell'ordine americane accusate di razzismo. Una grande folla pacifica, fra cui anche personalità come Spike Lee e il reverendo Jesse Jackson, ha assistito alle esequie, così come chiesto dal padre di Michael che aveva invitato a sospendere le proteste per dare l'ultimo addio a suo figlio in pace. Un unico gesto silenzioso di protesta: le mani alzate in segno di resa, lo stesso gesto fatto da Michael prima che gli agenti sparassero.

"America, è il momento di affrontare la questione con la polizia" ha detto durante la cerimonia il reverendo Al Sharpton, politico e attivitsta per i diritti umani. "Michael Brown non deve essere ricordato per le rivolte - ha aggiunto - ma perché ha fatto sì che l'America si occupasse di cosa fa la polizia".

http://www.stltoday.com/news/local/crime-and-courts/social-media-posts-from-scene-of-ferguson-shooting/html_c86d87f2-226b-5074-b8a8-c82c299195dc.html

Onu: Stato islamico in Iraq conduce pulizia etnica e religiosa

Autore: Redazione MTV News Data: 26 agosto 2014 Commenta
Onu: Stato islamico in Iraq conduce pulizia etnica e religiosa

La Siria: pronti a cooperare sotto egida Onu contro i terroristi

Milano, 26 ago. (TMNews) - L'Alto commissario delle Nazioni unite per i diritti umani Navi Pillay ha accusato oggi lo Stato islamico (Is) in Iraq di "pulizia etnica e religiosa".

"Gravi e orribili violazioni dei diritti dell'uomo sono commesse ogni giorno dallo Stato islamico in Iraq e nel Levante (Isil) e dai gruppi armati associati", ha affermato Pillay in un comunicato.

"Etichettano - ha aggiunto - sistematicamente gli uomini, le donne e i bambini in funzione della loro appartenenza etnica, religiosa o settaria e conducono una spietata pulizia etnica e religiosa nelle regioni sotto il loro controllo".

Intanto, il governo di Damasco si dice pronto a cooperare con la comunità internazionale, inclusi gli Stati Uniti, per combattere contro il terrorismo, nel quadro di un risoluzione dell'Onu sugli estremisti. Lo ha detto il ministro degli Esteri siriano Walid Muallem.

"La Siria è pronta a cooperare e coordinarsi a livello regionale e internazionale per combattere contro il terrorismo e appoggia la risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu numero 2170", ha detto Muallem.

http://www.misna.org/en/other/un-denounces-ethnic-and-religious-cleansing-25-08-2014-813.html

Ebola: è morto il medico liberiano in cura con siero Zmapp

Autore: Redazione MTV News Data: 25 agosto 2014 Commenta
Ebola: è morto il medico liberiano in cura con siero Zmapp

Ancora in cura gli altri due colleghi contagiati in Liberia

Milano, 25 ago. (TMNews) - E' morto Abraham Borbor, uno dei tre operatori sanitari colpiti dal virus Ebola in Liberia e sottoposti al trattamento con il siero sperimentale ZMapp. Borbor è stato contagiato mentre assisteva i malati al John F. Kennedy Medical Center di Monrovia. La sua morte ha colto di sorpresa i medici, convinti che sarebbe sopravvissuto dopo i miglioramenti ottenuti grazie al siero. Gli altri due colleghi di Borbor, un nigeriano e un ugandese, sono ancora sotto trattamento.

Intanto il Giappone è pronto a offrire un nuovo farmaco anti-influenza contro l'epidemia di Ebola. Prodotto dall'azienda Toyama Chemical, del gruppo Fujifilm, si chiama Avigan (T-705) e grazie a un meccanismo d'azione innovativo sarebbe efficace anche contro Ebola. Nel corso di una conferenza stampa Yoshihide Suga, segretario capo di gabinetto nipponico, ha affermato che il governo è disposto a fornire il medicinale all'Oms, se l'agenzia ne farà richiesta, e di averne già pronte scorte per oltre 20 mila pazienti. Questo mentre Ebola continua a dilagare nel continente africano: i primi due casi sono stati confermati anche nella Repubblica Democratica del Congo, mentre l'altro caso riguarda un epidemiologo senegalese, collaboratore dell'Oms, contagiato in Sierra Leone.

www.who.int

Festa dell’Indipendenza in Ucraina, mentre a Donetsk si combatte

Autore: Redazione MTV News Data: 25 agosto 2014 Commenta
Festa dell'Indipendenza in Ucraina, mentre a Donetsk si combatte

Poroshenko annuncia rafforzamento dell'esercito

Milano, 25 ago. (TMNews) - L'Ucraina ha festeggiato il 23esimo anniversario dell'Indipendenza con una parata militare nel centro Kiev, nel pieno di un conflitto sanguinoso che ha già ucciso oltre 2.000 persone, per la maggior parte civili. I blindati e i soldati hanno attraversato proprio piazza dell'Indipendenza cuore delle prima proteste che hanno portato alla caduta del governo scatenando la reazione delle regioni separatiste filorusse nell'est del Paese. Conflitto di cui non si vede una soluzione a breve, per questo il presidente Poroshenko ha annunciato lo stanziamento di oltre 2 miliardi di euro per il riarmo dell'esercito, per rafforzare le difese del Paese.

Fra i soldati in parata c'erano anche alcune unità appena tornate dai luoghi dei combattimenti, nella zona di Lugansk e Donetsk. E proprio da Donetsk arrivano queste immagini che mostrano il bombardamento dell'ospedale cittadino, finito sotto il fuoco incrociato dei ribelli e delle truppe dell'esercito di Kiev. I medici hanno riferito che nessuno è rimasto ferito.

http://www.kmu.gov.ua/control/en

Islanda: paura per vulcano Bardarbunga, si teme nube come in 2010

Autore: Redazione MTV News Data: 25 agosto 2014 Commenta
Islanda: paura per vulcano Bardarbunga, si teme nube come in 2010

Il vulcano si trova sotto un ghiacciaio a 300 km da capitale

Milano, 24 ago. (TMNews) - Le autorità islandesi hanno decretato il livello di allarme rosso e il divieto di sorvolo sopra il vulcano Bardarbunga, entrato da qualche giorno in intensa attività. La zona intorno al vulcano che si trova a circa 300 km dalla capitale Reykjavik è già stata evacuata in via precauzionale nei giorni scorsi dopo che era stato deciso il livello di allarme rosso, il più alto nella scala delle emergenze.

Il vulcano Bardarbunga è il più grande dell'Islanda e si trova sotto il ghiacciaio Vatnajökull. La lava fuoriuscita dal vulcano ha già iniziato a sciogliere il ghiaccio e a breve, ma non c'è alcuna certezza sui tempi, lo romperà iniziando a eruttare cenere e lapilli di lava che rendono impossibile il traffico aereo. Un fenomeno simile a quello verificatosi nel 2010 sempre in Islanda, quando la nuvola di cenere provocata dal vulcano Eyjafjallajokull bloccò il traffico aereo nel nord europa, compreso quello degli scali londinesi di Heathrow e Gatwick con enormi disagi per i passeggeri provenienti da tutto il mondo.

http://www.centrometeoitaliano.it/terremoto-vulcano-bardalunga-islanda-magnitudo-richter-dati-usgs-22-08-2014-18589/

Libia: Miliziani di Misurata conquistano aeroporto di Tripoli

Autore: Redazione MTV News Data: 24 agosto 2014 Commenta
Libia: Miliziani di Misurata conquistano aeroporto di Tripoli

Si tratta di un brutto colpo per milizia nazionalista di Zintan

Milano, 24 ago. (TMNews) - Ancora scontri sul fronte libico. I filo-islamici Miliziani di Misurata hanno preso il controllo dell'aeroporto internazionale di Tripoli, situato 30 km a sud della capitale. La conquista è un brutto colpo per la milizia Zintan, alleati al dissidente generale Khalifa Haftar da sempre ostile agli islamisti e quindi ai Miliziani di Misurata. Intanto il Parlamento libico, esiliato a Tobruk dopo la proclamazione del Califfato islamico a Bengasi, avrebbe allontanato il capo di Stato maggiore dell'Esercito e il ministro della Difesa nel tentativo di evitare un golpe.

Sempre in mattinata alcuni aerei, secondo i Miliziani di Misurata mandati da Egitto e Emirati Arabi Uniti con la complicità del governo per ostacolare l'espansione dei filo-integralisti, hanno bombardato alcune postazioni militari nella zona di Salah Edin provocando almeno 15 morti, una ventina di feriti e l'incendio di alcuni fabbricati. L'Egitto tuttavia ha smentito "categoricamente" ogni suo coinvolgimento negli attacchi aerei. Intanto dopo l'aeroporto internazionale i miliziani di Misurata riunitisi sotto la sigla "Operazione Alba" hanno attaccato sempre a Tripoli anche la sede di una tv locale vicina alla milizia nazionalista rivale di Zintan. Attacco confermato dai responsabili della stessa emittente, Al-Asima, secondo i quali uomini armati hanno fatto irruzione devastando gli uffici e distruggendo materiale.

http://www.bbc.com/news/world-africa-13754897

Siria, decapitazione Foley: Londra cerca John, tre i sospetti

Autore: Redazione MTV News Data: 24 agosto 2014 Commenta
Siria, decapitazione Foley: Londra cerca John, tre i sospetti

Si stringe il cerchio, forze speciali già sul terreno

Milano, 24 ago. (TMNews) - Si stringe il cerchio intorno a "John lo jihadista", l'uomo che ha decapitato il giornalista americano James Foley. Secondo il Sunday Times i servizi segreti britannici lo avrebbero identificato e le forze speciali di Sua Maestà sono già all'opera in Siria. Tra i principali sospetti anche un 23enne ex rapper londinese convertitosi alla guerra santa.

I profili di tre cittadini britannici che hanno abbracciato la jihad in Medio Oriente al fianco dello Stato Islamico corrispondono potenzialmente all'estremista armato che ha decapitato James Foley, esecuzione ripresa in un agghiacciante video di propaganda. Lo scrive il Daily Mail, mentre il Times sostiene che la polizia si sta preparando a perquisire ed effettuare irruzioni nelle case di alcuni britannici per accertare l'identità del miliziano che ha ucciso il reporter americano, sequestrato in Siria a fine novembre del 2012. Miliziano che nel filmato parla con uno spiccato accento londinese.

I sospettati - scrive il Daily Mail - sono tutti sulla ventina e si troverebbero a Raqqa, roccaforte siriana delle milizie jihadiste dello Stato Islamico. Profili che hanno vari punti di contatto con il terrorista che ha decapitato Foley, noto soltanto come John ma che i servizi dell'MI5 (l'agenzia per la sicurezza e il controspionaggio del Regno Unito) sono molto vicini a identificare. Almeno secondo quanto segnalano fonti della sicurezza.

Un ex ostaggio francese che ha riconosciuto 'John' come suo carceriere ha affermato che il terrorista fa (o ha fatto) parte di un gruppo di jihadisti britannici che si fa chiamare 'The Beatles'. I tre inglesi che potrebbero celarsi dietro il militante che ha ucciso Foley sono, secondo il quotidiano Abdel-Majed Abdel Bary, 23enne ex rapper di Londra, Abu Hussain al Britani, 20enne pirata informatico di Birmingham e Abu Abdullah al Britani, originario di Portsmouth e anche lui sulla ventina.

Il Sun "spara" in prima pagina che John è in realtà proprio l'ex rapper e sottolinea che ha voce e linguaggio simili a quelli del killer di Foley nello sconvolgente video.

http://www.thesundaytimes.co.uk/sto/news/article1450765.ece

Angela Merkel a Kiev incontra il presidente Poroshenko

Autore: Redazione MTV News Data: 23 agosto 2014 Commenta
Angela Merkel a Kiev incontra il presidente Poroshenko

I camion russi hanno lasciato il territorio ucraino

Milano, 23 ago. (TMNews) - Angela Merkel è in visita a Kiev pcerca di una soluzione politica per risolvere il conflitto fra governo e separatisti filorussi in Ucraina che ha già ucciso oltre 2.200 persone. Per il cancelliere tedesco sono previsti colloqui con il presidente Petro Poroshenko e il primo ministro Arseniy Yatsenyuk ma anche con sindaci di paesi nelle regioni filorusse. "Il significato della mia visita è che il governo tedesco vuole dimostrare che l'integrità territoriale dell'ucraina è essenziale".

Intanto gli osservatori dell'Osce hanno riferito che l'intera colonna di camion russi che ha portato aiuti umanitari nell'Est dell'Ucraina, nei territori controllati dai separatisti filorussi, è rientrata in Russia.

http://www.bundesregierung.de/Webs/Breg/EN/Homepage/_node.html

Ancora vittime civili a Gaza: sterminata famiglia palestinese

Autore: Redazione MTV News Data: 23 agosto 2014 Commenta
Ancora vittime civili a Gaza: sterminata famiglia palestinese

In raid israeliano deciso dopo morte di bimbo di 4 anni

Milano, 23 ago. (TMNews) - Proseguono gli scontri con vittime civili nella Striscia di Gaza. Dopo la morte del bimbo israeliano di 4 anni, ucciso da colpi di mortaio di mortaio lanciati dalla Striscia verso località israeliane nel Neghev occidentale, cinque componenti di una stessa famiglia palestinese, tra i quali due donne e altrettanti bambini, sono stati uccisi da un attacco aereo israeliano prima dell'alba che ha centrato la loro abitazione nel centro di Gaza. Lo hanno riferito fonti sanitarie palestinesi. I servizi di emergenza avevano inizialmente comunicato la presenza di tre vittime e cinque feriti, ma successivamente hanno annunciato che due persone sono morte per le lesioni riportate nel raid ad al Zawayda, vicino al campo profughi di Nusseirat. Le vittime sono il padre di 28 anni, la moglie di 26 e due bambini di 3 e 4. La quinta vittima è la zia 45enne del padre.

Intanto mentre Hamas ha firmato la proposta del presidente Abu Mazen di presentare la richiesta di adesione palestinese alla Corte penale internazionale (Cpi) in modo da poter perseguire legalmente lo Stato di Israele, l'Egitto vorrebbe organizzare un nuovo ciclo di negoziati tra israeliani e palestinesi, per discutere di una nuova tregua a Gaza.

http://www.informazionecorretta.com/

Calendario