MTV News

Prince William in versione rock, duetta con Bon Bovi e la Swift

Autore: Redazione MTV News Data: 28 novembre 2013 Commenta
Prince William in versione rock, duetta con Bon Bovi e la Swift

Il terzetto improvvisa "Livin' on a prayer" per beneficenza

Milano, 28 nov. (TMNews) - Il principe William in versione rock ha improvvisato martedì sera con Jon Bon Jovi e Taylor Swift la canzone "Livin' on a prayer" sul "palco" di Kensington Palace, la sua nuova residenza. Il terzetto ha interpretato il classico della popstar del New Jersey, a un evento di gala per sostenere l'associazione che aiuta i senza tetto Centrepoint, di cui l'erede al trono britannico da poco diventato papà è testimonial.

Bon Jovi ha iniziato la sua performance da solo con la sua chitarra, e poco dopo la cantante americana Swift, 23 anni, e William lo hanno raggiunto sul palco tra gli applausi dei presenti. Con indosso lo smoking, il principe ha fatto del suo meglio per unirsi al coro di voci, impresa non facile, ma ben riuscita. "Notti come queste accadono una volta nella vita", ha commentato Bon Jovi. "Ma l'opportunità di realizzare il cambiamento può durare una vita. Ognuno di voi ha l'opportunità di realizzare il cambiamento stasera", ha aggiunto il rocker statunitense.

http://www.centrepoint.org.uk/

Miliziani siriani: non saremo a "Ginevra 2" e non ci sarà tregua

Autore: Redazione MTV News Data: 27 novembre 2013 Commenta
Miliziani siriani: non saremo a Ginevra 2 e non ci sarà tregua

La dichiarazione dell'Esercito libero siriano che combatte Assad

Milano, 27 nov. (TMNews) - Il comandante dell'Esercito libero siriano, generale Salim Idriss, che si batte contro il regime di damasco ha annunciato che non parteciperà alla conferenza internazionale di pace sulla Siria, ribattezzata "Ginevra 2", sottolineando che i suoi miliziani non smetteranno di combattere durante il vertice, in programma il 22 gennaio a Ginevra.

"Noi, come forza militare e rivoluzionaria, non parteciperemo alla conferenza - ha detto Idriss - e non smetteremo di combattere durante la conferenza di Ginevra o dopo di questa, e quello che preoccupa noi è avere le armi necessarie ai nostri combattenti".

http://www.bbc.co.uk/news/world-middle-east-25102022

In Sardegna 60 Comuni colpiti e 817 sfollati

Autore: Redazione MTV News Data: 26 novembre 2013 Commenta
In Sardegna 60 Comuni colpiti e 817 sfollati

Ancora in corso operazioni di rimozione, ma arriva altra pioggia

Milano, 26 nov. (TMNews) - Oltre 60 comuni colpiti e 817 sfollati. E' il bilancio dell'alluvione in Sardegna ad una settimana dall'ondata di maltempo che ha provocato la morte di 16 persone. Sul territorio sono impegnati per ripulire i paesi più colpiti 303 Vigili del Fuoco, 251 operatori dell'Ente Foreste, 97 del Corpo Forestale e ben 400 volontari. Il difficile lavoro di rimozione delle macerie e dei rifiuti è ancora in corso e riguarda soprattutto la zona di Olbia.

Intanto le previsioni parlano ancora di pioggia in arrivo in Sardegna, circostanza che rende difficoltose le operazioni di pulizia e ripristino di strade, case e infrastrutture.

http://www.protezionecivile.gov.it/

Tutti i lunedi dieta vegetariana per esercito Norvegia, è più eco

Autore: Redazione MTV News Data: 26 novembre 2013 Commenta
Tutti i lunedi dieta vegetariana per esercito Norvegia, è più eco

Iniziativa contro il global warming

Milano, 26 nov. (TMNews) - L'esercito norvegese si convertirà presto alla dieta vegetariana, almeno un giorno alla settimana stando a quanto anticipano gli organi di stampa citati dal sito GreenStyle. Il proposito è molto chiaro: sottoporre le truppe a un rigido menu vegetariano almeno una volta alla settimana, per ridurre l'impatto ambientale della carne e contribuire, sia in modo simbolico che effettivo, alla lotta al surriscaldamento globale.

Quello ecologico è infatti il proposito principale rispetto ai tanti che potrebbero caratterizzare questo tipo di nutrizione, tra cui la salute dei militari. È il portavoce governativo Eystein Kvarving a spiegarlo alla stampa: "L'obiettivo è fare un passo per proteggere il nostro clima. L'idea è quella di servire cibo che sia rispettoso per l'ambiente".

Quando al portavoce viene chiesto se il progetto risponda anche a precise logiche di taglio dei costi dell'esercito la Kvarving precisa: " Il progetto non nasce dai soldi, siamo più preoccupati dal nostro clima, dall'essere più amici dell'ambiente, dal mangiare in modo più sano".

Il nuovo regime alimentare è ora in fase di test in alcune delle basi militari più grandi della Norvegia e, qualora dovesse ottenere il successo sperato, sarà esteso a tutta la nazione. L'obiettivo è quello di ridurre il consumo di carne di 150 tonnellate l'anno, con tutto ciò che ne consegue anche in termini di emissioni di CO2 e di deforestazione.

http://www.greenstyle.it/dieta-vegetariana-esercito-norvegese-62591.html

Onu: il 22 gennaio conferenza internazionale a Ginevra sulla Siria

Autore: Redazione MTV News Data: 26 novembre 2013 Commenta

Raggiunto un accordo tra Lega araba, la Russia e gli Stati Uniti

Milano, 26 nov. (TMNews) - Cauti spiragli di pace in Siria. I rappresentanti del regime e dell'opposizione armata si riuniranno per la prima volta a Ginevra il 22 gennaio prossimo, lo ha annunciato il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon.

Ban ha definito la conferenza "una missione di speranza" ma ha anche ricordato alle parti che l'obbiettivo del vertice è quello di mettere in atto il piano per la soluzione politica approvata a Ginevra nel 2012 per mettere fine alla guerra civile. "Il conflitto dura da troppo tempo, sarebbe imperdonabile non approfittare di questa occasione per mettere fine alle sofferenze e alle distruzioni che ha provocato", ha concluso Ban.

La conferenza che dovrebbe trovare una soluzione per il feroce conflitto che dura ormai da 32 mesi è stata più volta rimandata a data da destinarsi a causa del problema di chi debba rappresentare l'opposizione al regime di Damasco e se anche paesi coinvolti indirettamente, come Iran e Arabia Saudita, debbano essere invitati alle trattative di pace.

Ora l'accordo sulla data sembra essere stato fissato dopo intense e laboriose trattative che hanno visto protagonisti in prima persona il mediatore della Lega araba Lakhdar Brahimi, i sottosegretari degli Esteri russi Mikhail Bogdanov e Gennady Gatilov insieme alla pari grado statunitense agli Affari politici Wendy Sherman.

Ma sulla conferenza plana un sinistro caveat. I diplomatici di tutti i governi coinvolti nella preparazione della conferenza di Ginevra hanno messo in guardia sul pericolo che sviluppi imprevisti della situazione siriana potrebbero sconvolgere l'agenda e mandare all'aria gli accordi preliminari tanto faticosamente raggiunti. Si spera che si tratti solo di scaramanzia da feluche troppo caute. Si spera.

http://www.bbc.co.uk/news/25089571

Angelina Jolie regala un’isola a forma di cuore al suo Brad Pitt

Autore: Redazione MTV News Data: 26 novembre 2013 Commenta
Angelina Jolie regala un'isola a forma di cuore al suo Brad Pitt

Pronti 15 mln euro per festeggiare i 50 anni del fidanzato

Roma, 26 nov. (TMNews) - Brad Pitt compirà mezzo secolo il prossimo 18 dicembre e Angelina Jolie sta per sborsare 15 milioni di euro per regalargli Petra Island, un isolotto di 11 ettari a forma di cuore, a 50 miglia a nord di New York, un luogo ideale per una fuga romantica.

L'attrice e regista, 38 anni, la settimana scorsa - rivela il Mirror - ha visitato l'isola, sulla quale c'è anche una pista d'atterraggio per gli elicotteri, ed è rimasta entusiasta nello scoprire che le uniche due case presenti sono opera dell'architetto preferito da Brad, Frank Lloyd Wright.

"La casa è perfetta per delle fughe romantiche o per una vacanza in famiglia. E' privatissima e secondo Angelina il fatto che l'isola sia a forma di cuore è molto importante per lui", ha confidato una fonte al tabloid. I Pitt-Jolie sono insieme dal 2005 e hanno sei figli, tre adottati e altrettanti naturali: Maddox, 12 anni, Pax, 9, Zahara, 8, Shiloh, 7, e i gemelli di 5 anni Vivienne e Knox.

http://www.mirror.co.uk/3am/celebrity-news/video-tour-angelina-brad-pitts-2849801

No a tetto degli stipendi dei manager, Svizzera boccia referendum

Autore: Redazione MTV News Data: 25 novembre 2013 Commenta

Il disegno di legge prevedeva un rapporto di 1 a 12

Milano (TMNews) - Sonora bocciatura in Svizzera al referendum popolare che voleva dare un limite agli stipendi d'oro dei manager e dei banchieri. La maggioranza dei cantoni ha bocciato il disegno di legge sull'equo salario che stabiliva un tetto ben preciso ai favolosi stipendi dei dirigenti di multinazionali e banche: ogni mese avrebbero potuto percepire un salario superiore al massimo di 12 volte a quello dei loro dipendenti con la paga più bassa. Una rivoluzione se si pensa che adesso in media il rapporto è di 1 a 200.

Gli oppositori della legge temevano che il tetto avrebbe fatto fuggire i manager dalla Svizzera e che avrebbe avuto ripercussioni negative sulle tasse e sul sistema pensionistico. I favorevoli si consoleranno con la legge che entrerà in vigore l'anno prossimo, secondo cui gli stipendi dei manager saranno decisi non più dai consigli di amministrazione ma dall'assemblea degli azionisti.

http://www.admin.ch/

Conferenza Clima Onu, raggiunto accordo di principio

Autore: Redazione MTV News Data: 24 novembre 2013 Commenta
Conferenza Clima Onu, raggiunto accordo di principio

A Parigi impegno per accordo vincolante sui riduzione emissioni

Milano, 24 nov. (TMNews) - Le delegazioni che partecipano alla Conferenza Internazionale sul Clima in corso Varsavia hanno raggiunto un consenso su quali debbano essere le basi dell'accordo che dovrà essere approvato nel 2015 a Parigi con l'obbiettivo di contenere il riscaldamento globale entro i 2 gradi centigradi.

Il testo adottato a Varsavia prevede che gli Stati devono iniziare a preparare dei "contributi" su ciò che intendono fare per lottare contro il riscaldamento globale, contributi che verranno integrati nell'accordo del 2015. Si tratta di un documento più debole rispetto al testo bocciato nei giorni scorsi dai Paesi in via di Sviluppo e dove si parlava invece di "impegni", piuttosto che di "contributi".

La comunità internazionale si è impegnata a concludere a Parigi un accordo sulla riduzione delle emissioni che dovrà entrare in vigore nel 2020 e che sarà legalmente vincolante e sufficientemente ambizioso da limitare il riscaldamento globale a 2 gradi centigradi (contro i circa 4 gradi previsti attualmente se non venisse adottato alcun provvedimento).

http://www.un.org/climatechange/

A Ginevra siglato uno storico accordo sul nucleare iraniano

Autore: Redazione MTV News Data: 24 novembre 2013 Commenta
A Ginevra siglato uno storico accordo sul nucleare iraniano

Teheran limiterà arricchimento uranio in cambio di meno sanzioni

Milano, 24 nov. (TMNews) - A Ginevra è stato raggiunto un accordo storico sul nucleare iraniano. Il patto siglato fra Stati Uniti, Cina, Russia, Francia, Germania, Gran bretagna e i rappresentanti della Repubblica islamica prevede che Teheran limiti l'arricchimento dell'uranio, non raggiungendo le percentuali per costruire una bomba nucleare, ottenendo in cambio un alleggerimento delle sanzioni. Era almeno un decennio che i colloqui non si concludevano così positivamente. L'accordo secondo il segretario di Stato John Kerry renderà il mondo più sicuro. Soddisfatto anche il suo omologo, Mohammad Javad Zarif, ministro degli Esteri iraniano. "E' solo il primo passo - ha detto - Si tratta di un risultato importante ma dobbiamo lavorare insieme sulla base dei principi da cui siamo partiti". L'accordo ha validità per sei mesi, durante i quali continueranno i colloqui e i tentativi di arrivare ad una soluzione definitiva.

"Ora sta all'Iran provare che il suo programma nucleare sarà solo per fini esclusivamente pacifici - ha commentato il Presidente americano Barack Obama - Se Teheran coglie questa opportunità, il popolo iraniano potrà beneficiare del vantaggio di ricongiungersi alla comunità internazionale e potremo cominciare a sgretolare la sfiducia tra le noste due nazioni". Ha espresso perplessità invece Israele secondo cui si tratta di "un errore storico".

http://www.un.org/

Esplosione in un oleodotto nell’est della Cina, almeno 47 i morti

Autore: Redazione MTV News Data: 23 novembre 2013 Commenta
Esplosione in un oleodotto nell'est della Cina, almeno 47 i morti

Evacuate 18.000 persone. "Particelle tossiche" ancora nei limiti

Pechino, 23 nov. (TMNews) - E' di 47 morti il bilancio dell'esplosione di un oleodotto nell'st della Cina: lo hanno annunciato le autorità locali, precisando che 18.000 persone sono state evacuate a seguito dell'incidente.

La deflagrazione ha avuto luogo presso il porto di Qingdao: è stata molto potente e ha anche danneggiato seriamente alcune automobili parcheggiate nei dintorni. Almeno 160 persone sono rimaste ferite, secondo quanto riferito dalle autorità locali.

La distribuzione di gas, di elettricità e di acqua è stata interrotta in numerosi quartieri di Qingdao, metropoli situata nella provincia di Shandong. "La concentrazione di particelle tossiche resta limitata alle norme nazionali", hanno fatto sapere i media locali.

http://www.scmp.com/news/china/article/1363263/oil-pipeline-blast-kills-least-47-and-injures-166-qingdao-shandong

Calendario