MTV News

Miliziani Isis catturano armi Usa paracadutate ai curdi di Kobane

Autore: Redazione MTV News Data: 22 ottobre 2014 Commenta
Miliziani Isis catturano armi Usa paracadutate ai curdi di Kobane

Il Pentagono sta verificando l'autenticità di un video sul web

Milano, 22 ott. (TMNews) - Il Dipartimento della Difesa americano sta verificando l'autenticità di un video che mostra i miliziani dello Stato islamico che si impossessano di alcune casse paracadute dagli aerei statunitensi e contenenti armi destinate ai combattenti curdi in Siria. Nelle immagini si vede un carico di armi, munizioni e medicinali paracadutato dall'aviazione Usa, destinato ai peshmerga curdi assediati a Kobane, caduto nelle mani delle milizie dello Stato islamico. Il video diffuso sui siti islamisti mostra un miliziano mascherato e armato di kalashnikov passa accanto a una serie di casse imbragate a un paracadute, contenenti granate e razzi. Un secondo carico sarebbe stato distrutto dalle forze della coalizione per evitare che finisse in una zona controllata dalle milizie. Gli americani hanno paracadutato decine di casse contenenti materiale per i peshmerga che difendono la città di Kobane dall'assedio dello Stato Islamico. Un portavoce del ministero della Difesa ha dichiarato che la maggioranza del carico è finito nelle mani dei combattenti curdi. http://www.bbc.com/news/world-middle-east-29715044

Siria, 700 persone massacrate dall’Isis in tre giorni ad agosto

Autore: Redazione MTV News Data: 22 ottobre 2014 Commenta
Siria, 700 persone massacrate dall'Isis in tre giorni ad agosto

In rete video di una donna lapidata dai miliziani per adulterio

Milano, 22 ott. (TMNews) - Il peggiore massacro compiuto dai jihadisti dello Stato islamico risale allo scorso agosto: stando a quanto riportato dal Washington Post, nell'arco di tre giorni i miliziani dell'Isis hanno soffocato la rivolta della tribù Shaitat di Abu Haman, nell'est della Siria, decapitando, crocifiggendo e giustiziando oltre 700 persone. Oggi la zona di Abu Hamam, nella provincia di Deir Ezzor, è abbandonata, con molti cadaveri ancora in attesa di sepoltura. La tribù sunnita Shaitat, una delle più grandi della Siria, ha combattuto a lungo contro i miliziani dell'Isis nella provincia di Deir Ezzor, al confine con l'Iraq, e sarebbe riuscita ad avere la meglio se lo Stato islamico non avesse preso il controllo di Mosul, in Iraq, lo scorso giugno. Secondo quanto raccontato dai ribelli, infatti, le armi americane catturate dall'Isis a Mosul hanno consentito ai jihadisti di avere la meglio sui ribelli sunniti, costretti a siglare un accordo di tregua a metà luglio. Sarebbero comunque "più di 1.000" i jihadisti dello Stato islamico (Isis) rimasti uccisi nei combattimenti in atto da metà settembre nella città curdo-siriana di Kobane. E' quanto si legge sull'account Twitter "Wikileaks Stato al Baghdadi", citato dall'emittente al Arabiya, in cui si riferisce anche del "tradimento" di uno dei luogotenenti del capo dell'Isis, Abu Bakr al Baghdadi, "sparito" dopo aver passato informazioni agli americani. Intanto, una donna è stata lapidata dai jihadisti dello Stato islamico nella provincia siriana di Hama. E' quanto scrive oggi sul proprio account Facebook l'Osservatorio siriano per i diritti umani, precisando di aver ricevuto una copia del video che mostra la lapidazione della donna, accusata di adulterio. Il video mostra il padre insieme ai combattenti dell'Isis che si rifiuta di perdonare la figlia fino a quando due combattenti vanno da lui e lo convincono a farlo perchè "sta andando da Allah". Rivolto alla donna, ripresa di spalle, il boia dice: "Devi accettare, anzi devi essere soddisfatta perchè questo è il giudizio di Allah per quello che hai fatto e che tu sai di avere fatto". Quindi le chiede: "Accetti il giudizio di Dio"? e la donna scuote la testa in senso affermativo. Il boia ordina allora di procedere ed è proprio il padre che lega la donna con una corda e la conduce nella buca scavata nel terreno per la lapidazione; quindi diversi uomini cominciano a lanciare numerose pietre contro di lei, anche il padre, fino a quando la donna muore. Durante la lapidazione, la donna si volta di schiena e ripete più volte, dietro loro ordine: "Dichiaro che non vi è altro Dio che Allah". http://www.bbc.com/news/24758587

Oms: sottostimato il numero dei casi Ebola nei Paesi più colpiti

Autore: Redazione MTV News Data: 22 ottobre 2014 Commenta
Oms: sottostimato il numero dei casi Ebola nei Paesi più colpiti

Ricercatori francesi mettono a punto test rapido per la diagnosi

Milano 22 ott. (TMNews) - L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha avvertito che i dati riguardanti il numero dei casi di virus Ebola nei tre Paesi più colpiti Guinea, Sierra Leone e Liberia), sono sottovalutati. L'Oms non ha fornito alcuna percentuale, limitandosi ad affermare che non tutti i casi vengono scoperti; il virus ha contagiato oltre 9.200 persone, con oltre 4.500 morti. Intanto, un gruppo di ricercatori francesi ha sviluppato un test diagnostico per il virus Ebola in grado di fornire un risultato entro quindici minuti: lo ha reso noto il Commissariato per l'energia atomica (Cea) francese. Il test, di formato identico a quello che si effettua per la gravidanza, è utilizzabile sul campo senza alcun materiale specifico a partire di una goccia di sangue, plasma o urine del paziente ed è in grado di rilevare il ceppo del virus responsabile dell'epidemia in Africa Occidentale (diverso da quello presente nella Repubblica Democratica del Congo). Un primo prototipo sarà disponibile alla fine di ottobre per la sperimentazione clinica sul terreno. Con i test attuali - basati sulla rilevazione genetica del virus e che vanno per forza effettuati in un laboratorio - occorrono circa due ore per ottenere un risultato. http://www.bbc.com/news/world-africa-28754546

Muore in incidente aereo De Margerie, il numero uno della Total

Autore: Redazione MTV News Data: 21 ottobre 2014 Commenta
Muore in incidente aereo De Margerie, il numero uno della Total

Lo schianto all'aeroporto Vnukovo di Mosca

Milano, 21 ott. (TMNews) - Christophe de Margerie, amministratore delegato della compagnia petrolifera francese Total, è morto in un incidente aereo a avvenuto all'aeroporto Vnukovo di Mosca. Poche ore prima il numero uno del gigante energetico d'okltralpe aveva incontrato il premier russo Dmitry Medvedev per discutere di investimenti in Russia.

Il jet privato su cui viaggiava si è schiantato con uno spazzaneve al momento del decollo. Oltre al top manager sono morti tre membri dell'equipaggio, anche loro francesi.

Secondo le prime ricostruzioni dell'incidente l'autista dello spazzaneve era ubriaco e al momento dello schianto la visibilità era ridotta a 350 metri. La dinamica dell'incidente sarebbe stata atroce: non c'è stato il tempo di scendere per le persone in cabina. Dopo lo scontro con lo spazzaneve il velivolo ha preso fuoco, ma non si è verificata alcuna esplosione.

http://www.it.total.com/it/

Pistorius, condanna a 5 anni per omicidio colposo della fidanzata

Autore: Redazione MTV News Data: 21 ottobre 2014 Commenta
Pistorius, condanna a 5 anni per omicidio colposo della fidanzata

Il giudice Masipa ha letto sentenza in un tribunale Pretoria

Pretoria, 21 ott. (TMNews) - Oscar Pistorius è stato condannato a cinque anni per l'omicidio colposo della fidanzata Reeva Steenkamp, del quale era stato giudicato colpevole. A leggere la sentenza nei confronti dell'atleta paralimpico sudafricano, in un tribunale di Pretoria, è stato il giudice Thokozile Masipa.

In precedenza il giudice aveva dichiarato che una pena ai lavori socialmente utili non sarebbe stata "appropriata" per Pistorius.

Il procuratore Gerrie Nel aveva chiesto un minimo di dieci anni di reclusione senza la condizionale per il paratleta, riconosciuto colpevole di omicidio colposo della fidanzata Reeva Steenkamp nel febbraio 2013. "La pena minima che sarebbe soddisfacente per la società è di dieci anni di carcere", aveva dichiarato il procuratore mentre la difesa, in una lunga arringa, aveva caldeggiato una condanna a lavori socialmente utili.

http://oscarpistorius.com/

George Clooney regala ad Amal la più grande villa sul Tamigi

Autore: Redazione MTV News Data: 21 ottobre 2014 Commenta
George Clooney regala ad Amal la più grande villa sul Tamigi

Casa di 900 mq da 12 milioni di euro in dono per le nozze

Roma, 21 ott. (TMNews) - George Clooney e la moglie Amal dopo il disastroso viaggio di nozze alle Seychelles rovinato dal maltempo si potranno consolare con una magnifica villa che George avrebbe regalato alla neo sposina. Clooney, secondo il blog specializzato blog.casa.it, ha regalato alla amata una villa da 12 milioni di euro nella campagna inglese a 50 km da Londra. La magnifica villa, di quasi 900 metri quadrati e circondata da vaste aree verdi, è considerata la più grande residenza sulle sponde del fiume Tamigi. L'ex proprietario, il banchiere Bayoumi, ristrutturò completamente l'immobile, rendendolo esclusivo e moderno. La villa infatti coniuga al tipico stile classico inglese, un'anima contemporanea e ultra tecnologica: tra tutti i confort della proprietà infatti, si trovano: una sala cinema dotata delle ultimissime tecnologie audio, una spa e una palestra. La proprietà inoltre è sorvegliata da un moderno sistema di telecamere a circuito chiuso. http://www.imdb.com/name/nm0000123/

A Kobane decine di jihadisti uccisi dai combattenti curdi

Autore: Redazione MTV News Data: 20 ottobre 2014 Commenta
A Kobane decine di jihadisti uccisi dai combattenti curdi

Turchia ribadisce il suo no all'invio di armi

Milano, 19 ott. (TMNews) - Nelle strade di Kobane la controffensiva via terra dei curdi e via aerea della coalizione internazionale sta limitando l'avanzata dello Stato Islamico. Secondo le Ong sul posto gli ultimi scontri hanno provocato perdite ingenti fra i miliziani dell'Isis che controllano circa la metà della città siriana vicina al confine turco. Sul fronte diplomatico il presidente americano Barack Obama ha chiamato il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan e insieme hanno promesso di aumentare gli sforzi per combattere l'Isis. Il governo turco però ha nuovamente ribadito che si rifiuta di inviare armi ai combattenti curdi. http://www.mfa.gov.tr/default.en.mfa http://www.whitehouse.gov/

A Lussemburgo vertice dei ministri europei sull’Ebola

Autore: Redazione MTV News Data: 20 ottobre 2014 Commenta
A Lussemburgo vertice dei ministri europei sull'Ebola

Oms ammette di aver sottovalutato emergenza in Africa

Milano, 20 ott. (TMNews) - L'Ebola al centro del vertice a Lussemburgo i ministri degli esteri europei che ha come obiettivo sollecitare una risposta dell'Unione all'epidemia. In particolare ci sono pressioni sull'Europa perché intervenga stanziando più fondi e inviando personale specializzato nei Paesi africani più colpiti, Guinea, Liberia e Sierra Leone. Intanto l'Oms ha ammesso di aver sottovalutato l'emergenza Ebola in Africa a causa dell'incompetenza dello staff, della mancanza di informazioni certe e della burocrazia macchinosa. Le gravi accuse all'Organizzazione mondiale della sanità arrivano da un documento interno dello stesso ente, diffuso dall'agenzia di stampa Ap. Tutti questi fattori hanno provocato una risposta inadeguata al virus che si è diffuso e ha ucciso oltre 4.500 persone. http://www.who.int/en/

Summit sull’Ucraina a Milano "positivo" per Renzi e Putin

Autore: Redazione MTV News Data: 17 ottobre 2014 Commenta
Summit sull'Ucraina a Milano positivo per Renzi e Putin

Premier: "Fatti passi avanti, controllo ai confini con i droni"

Milano, 17 ott. (TMNews) - Di certo il vertice di Milano tra Vladimir Putin e Petro Poroshenko non passerà alla storia come l'appuntamento che ha risolto tutti i problemi tra Russia a Ucraina, ma sicuramente un passo avanti verso il disgelo tra Mosca e Kiev è stato fatto. Lo ha fatto capire il presidente russo definendo l'incontro "buono" e "positivo" nonostante le molte divergenze, e lo ha detto esplicitamente il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. "Il processo, ovviamente, non è veloce, immediato. Abbiamo bisogno di tempo, ma ciò che è importante è che a Milano abbiamo sottolineato il senso di urgenza di arrivare a conclusioni. Per questa ragione spero che nelle prossime ore, giorni e settimane finalmente si vada nella direzione cruciale della pace, del dialogo e della cooperazione". Ovviamente, ha ammesso il premier, rimangono delle differenze. Resta sul tavolo, con l'inverno alle porte, il nodo della fornitura di gas russo che rischia di lasciare al freddo l'Ucraina, ma intanto è stata impostata una base di discussione così come su altri aspetti del negoziato. Tra le novità c'è la possibilità, proposta dal presidente francese François Hollande, di controllare i confini tra Russia e Ucraina attraverso l'utilizzo di droni. Un'ipotesi accolta anche dalla cancelliera tedesca Angela Merkel. Al summit ha partecipato anche il premier britannico David Cameron, il presidente uscente della Commissione europea Jose Manuel Barroso, il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy e il ministro degli Esteri italiano, Federica Mogherini. http://www.aseminfoboard.org/

La famiglia Steenkamp rifiuta risarcimento proposto da Pistorius

Autore: Redazione MTV News Data: 16 ottobre 2014 Commenta
La famiglia Steenkamp rifiuta risarcimento proposto da Pistorius

Il legale: i genitori di Reeva non intenteranno una causa civile

Milano, 16 ott. (TMNews) - La famiglia di Reeva Steenkamp, uccisa da Oscar Pistorius, non intende accettare la proposta di risarcimento danni avanzata dall'atleta paralimpico e non intenterà una causa civile: lo ha indicato il legale della famiglia in un comunicato. L'avvocato Petrus de Bruyn ha spiegato che Pistorius ha già versato 6.000 rand al mese, pari a circa 430 euro, alla famiglia dell'ex fidanzata in difficoltà finanziarie, da marzo 2013 a settembre 2014. Questi versamenti non sono mai stati resi pubblici su richiesta dello stesso Pistorius. I genitori della giovane donna, uccisa da Pistorius il 14 febbraio 2013, hanno fatto sapere che restituiranno la somma ricevuta dall'atleta paralimpico non appena possibile. I legali delle due parti, in passato, hanno discusso di un risarcimento globale di 375.000 rand. "Appena i genitori" di Reeva "sono venuti a conoscenza di questa cifra, l'hanno esaminata e hanno deciso, per differenti ragioni, che non vogliono alcun risarcimento da Pistorius. E questa è la ragione per la quale hanno dato istruzioni di non procedere con un processo civile"", ha spiegato de Bruyn. http://www.bbc.co.uk/search?q=Pistorius

Calendario