MTV News

La storia di oggi

Ostia siamo noi: La storia dei ragazzi dell’Idroscalo

Autore: Redazione MTV News Data: 25 luglio 2014 Commenta

Attenzione! Il reportage può avere un contenuto ed un linguaggio non adatto ai minori.

La zona dell’Idroscalo ad Ostia è molto degradata, ma gli abitanti del posto sono fieri di vivere lì e ci vogliono rimanere. MTV NEWS è con Siria, 10 anni, che ci racconta la sua vita all’ Idroscalo insieme a tutti i suoi amici

 

Tutte le notizie

Oxfam, a Gaza la drammatica strage di bambini non si ferma

Autore: Redazione MTV News Data: 24 luglio 2014 Commenta
Oxfam, a Gaza la drammatica strage di bambini non si ferma

Il bilancio è salito a 147 vittime, un bambino ucciso ogni ora

Milano, 24 lug. (TMNews) - Non accenna ad arrestarsi la tragedia umanitaria a Gaza, il conteggio delle vittime continua a salire e secondo gli ultimi dati che arrivano dall'interno della Striscia, dai 34 operatori di Oxfam al lavoro in sostegno della popolazione, il 74 per cento delle oltre 600 vittime palestinesi è rappresentata da civili, mentre il numero dei feriti è salito oltre i 3500 e si avvia a superare quota 4000.

Nel frattempo durante gli scontri tra Hamas e Israele, sale anche la conteggio degli israeliani uccisi: 29 le vittime di cui due civili adulti. Ma il dato più allarmante è che, nonostante i ripetuti appelli al cessate il fuoco arrivati da più parti, continua la strage di minori: il numero di bambini rimasti uccisi nella Striscia è infatti salito a 147 nelle ultime ore, mentre sono 116 mila quelli rimasti vittima dei traumi del conflitto.

"Al momento a Gaza un bambino rimane ucciso ogni ora. Un dato agghiacciante che non solo deve far riflettere, ma portare la comunità internazionale ad imporre un immediato cessate il fuoco. - afferma il responsabile emergenze umanitarie di Oxfam Italia, Riccardo Sansone - Oltre 120 mila persone a Gaza hanno dovuto abbandonare le loro case, ma i confini sono chiusi e le persone non hanno un posto sicuro in cui andare, la maggior parte di loro si è accampata nelle circa 90 scuole della Striscia. Circa il 44 per cento del territorio di Gaza è stato dichiarato zona di evacuazione, mentre il restante 56 per cento continua ad essere ad alto rischio, a causa dei continui attacchi aerei. Un quadro sempre più allarmante che non sta risparmiando nemmeno le strutture mediche, che lavorano in soccorso della popolazione, dato che 18 strutture tra ospedali, cliniche e ambulanze sono state colpite dai bombardamenti, mentre 26 operatori sanitari della Mezzaluna Rossa palestinese sono stati feriti".

Un'emergenza umanitaria che secondo Oxfam, colpisce inoltre la disponibilità di beni essenziali alla sopravvivenza dei civili: il cibo e l'acqua a disposizione della popolazione infatti sono sempre più scarsi. Oltre 135.000 persone hanno bisogno di immediata assistenza alimentare, mentre si stima che i panifici di Gaza adesso abbiano scorte per una sola settimana. Intanto sale anche il numero di persone che hanno difficoltà di accesso all'acqua potabile: sono circa 1,2 milioni di persone, due terzi della popolazione che vive nell'enclave di Gaza, con un quarto dei sistemi idrici presenti che al momento è ridotta alla metà della capacità di erogazione dell'acqua. In questo momento Oxfam sta fornendo ad oltre 20 mila civili, che non hanno più una casa, acqua, cibo e beni di prima necessità.

http://www.oxfamitalia.org/primo-piano/emergenza-umanitaria-nella-striscia-di-gaza

La Concordia lascia il Giglio, arrivo previsto domenica mattina

Autore: Redazione MTV News Data: 24 luglio 2014 Commenta
La Concordia lascia il Giglio, arrivo previsto domenica mattina

Gabrielli: canteremo vittoria solo a Genova

Milano, 24 lug. (TMNews) - La Costa Concordia ha lasciato l'isola del Giglio a due anni e mezzo dal naufragio. La nave che è stata salutata dalle sirene dal molo e dalle campane della chiesa di Giglio Porto viaggia verso Genova a una velocità di crociera di due nodi, come ha confermato Franco Porcellacchia, responsabile per Costa della rimozione della Concordia. "Questo testimonia che tutto funziona perfettamente. Questa velocità già raggiunta ci lascia sperare che la nave arrivi tra la notte di sabato e la domenica mattina, come entrata in porto a Genova, ed è molto probabile."

Soddifatto ma prudente il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli che dice: "Canteremo vittoria solo a Genova". "Per tutti noi è motivo di soddisfazione, ovviamente una soddisfazione misurata, sobria, che non può prescindere dal perchè siamo qui".

L'Isola tira un sospiro di sollievo. L'operazione per la rimozione della nave lunga 290 metri è stata una sfida finalmente vinta, anche se resta la ferita aperta dal naufragio.

http://www.protezionecivile.gov.it/

La storia di Stefano

Autore: Redazione MTV News Data: 23 luglio 2014 Commenta

Stefano ha 16 anni ed è un cercatore di onde! Fa l’istituto nautico ed è soprannominato “pescetto” perchè è una promessa del surf. E’ in acqua sia d’estate che d’inverno e dice che è colpa della Sardegna se a Ostia ogni tanto non ci sono onde per surfare..

 

Guerra a Gaza, dure accuse delle Nazioni Unite a Israele e Hamas

Autore: Redazione MTV News Data: 23 luglio 2014 Commenta
Guerra a Gaza, dure accuse delle Nazioni Unite a Israele e Hamas

Responsabili di "crimini di guerra" e attacchi "indiscriminati"

Milano, 23 lug. (TMNews) - L'Alto Commissario Onu per i Diritti umani, Navi Pillay, ha rivolto oggi dure accuse a Israele e al movimento islamista palestinese Hamas per l'attuale crisi nella Striscia di Gaza. Citando recenti esempi di distruzione e ricordando la strage di civili, tra cui numerosi bambini, la funzionaria delle Nazioni Unite ha spiegato che esiste "la forte possibilità che sia stato violato il diritto internazionale umanitario, in un modo che potrebbe configurarsi come crimine di guerra".

In occasione di una riunione straordinaria del Consiglio dei diritti dell'Uomo, Pillay ha chiesto che sia condotta un'inchiesta su ciascuno degli incidenti verificatisi nella Striscia di Gaza e in Israele.

Allo stesso modo, l'Alto Commissario dell'Onu ha sottolineato che "una volta di più, i principi di distinzione e precauzione non sono stati chiaramente rispettati durante gli attacchi indiscriminati condotti contro aree civili" israeliane "da Hamas e da altri gruppi palestinesi armati".

La situazione è drammatica soprattutto per i più indifesi. Negli ultimi due giorni un bambino è stato ucciso ogni ora a Gaza. E' quanto si legge nell'ultimo bollettino diffuso ieri dall'Ufficio Onu per il coordinamento degli Affari umanitari (Ocha) sulla situazione nella Striscia di Gaza, in cui si sottolinea come i bambini rappresentino un terzo delle vittime civili.

L'Ocha ha anche riferito di oltre 117.000 palestinesi ospitati nelle scuole dell'Agenzia dell'Onu per gli aiuti ai rifugiati palestinesi (Unrwa) e del 44% del territorio di Gaza, una striscia di terra larga tre chilometri, dichiarata dall'esercito israeliano "zona cuscinetto".

http://edition.cnn.com/2014/07/23/world/meast/mideast-israel-endgame/index.html?hpt=hp_c1

Servizi segreti Usa: aereo malese abbattuto da missile per errore

Autore: Redazione MTV News Data: 23 luglio 2014 Commenta
Servizi segreti Usa: aereo malese abbattuto da missile per errore

In Olanda giornata di lutto nazionale per le vittime

Milano, 23 lug. (TMNews) - Il Boeing malese abbattuto in Ucraina è stato colpito da un missile terra-aria sparato dai filorussi per sbaglio. A dirlo sono i servizi segreti americani che sostengono di avere prove fotografiche e indizi a supporto della tesi. Secondo i funzionari, Mosca non sarebbe coinvolta direttamente nel disastro, ma avrebbe "creato le condizioni", visto che ha fornito le armi ai separatisti. I servizi segreti hanno poi aggiunto che non sanno se militari russi fossero presenti durante il lancio del missile e neppure se i ribelli che hanno causato il disastro fossero stati addestrati in Russia.

Intanto l'Olanda oggi piange i suoi morti con una giornata di lutto nazionale per ricordare i quasi 200 connazionali, sulle 298 vittime, morti nel disastro aereo.

http://www.whitehouse.gov/

Deflazione, Coldiretti: per la prima volta calano gli alimentari

Autore: Redazione MTV News Data: 23 luglio 2014 Commenta

Otto italiani su dieci non acquistano ma mangiano cibi scaduti

Milano, 23 lug. (TMNews) - È deflazione a tavola. Per la prima volta dal inizio della serie storica nel 2005 i prezzi dei prodotti alimentari non lavorati come frutta e verdura fanno segnare un calo dell'1,5 per cento, per effetto del crollo dei consumi ai minimi storici che colpisce soprattutto le classi meno abbienti per le quali l'alimentazione rappresenta la quota più rilevante del budget di spesa. È quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati Istat relativi alla misura dell'inflazione nel secondo semestre del 2014.

La ridotta capacità di spesa è confermata - sottolinea Coldiretti - dal fatto che le persone in condizioni di povertà assoluta hanno raggiunto il record di 6 milioni e 20mila individui nel 2013. In tale situazione più di otto italiani su dieci (81 per cento) per non acquistare sono arrivati a non buttare il cibo scaduto ma a mangiarlo, con una percentuale che è aumentata del 18 per cento dall'inizio del 2014. La spirale negativa della deflazione - sottolinea Coldiretti - ha portato i consumi frutta e verdura a diminuire di oltre il 30 per cento rispetto agli ultimi 15 anni, per un quantitativo che nel 2014 è sceso addirittura ben al di sotto del chilo al giorno per famiglia, un valore inferiore a quelli raccomandati dal Consiglio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

http://www.coldiretti.it/Pagine/default.aspx

In Italia il 40% dell’acqua degli acquedotti viene sprecato

Autore: Redazione MTV News Data: 23 luglio 2014 Commenta
In Italia il 40% dell'acqua degli acquedotti viene sprecato

Secondo le rilevazioni del Censimento delle acque dell'Istat

Milano, 23 lug. (TMNews) - Quasi il 40% dell'acqua immessa nelle tubature degli acquedotti va dispersa con uno spreco pari a 100 mila litri al secondo. A dirlo l'ultimo rapporto Istat "Censimento delle acque per uso civile" che fotografa una situazione generale in tutto il Paese, ma che, rileva il sito ambiente.ambienti, ha il suo tallone d'Achille nel Sud e nelle isole.

Il report conferma, per l'anno 2012, che il 37,4% dell'acqua immessa nella rete non è arrivata a destinazione, con un peggioramento del 5,3% rispetto al 2008, quando le dispersioni si attestavano al 32,1%. Nel complesso le dispersioni di rete ammontano a 3,1 miliardi di metri cubi: 8,6 milioni di metri cubi persi al giorno, ovvero poco meno di 100 mila litri al secondo, pari a ben 144 litri al giorno per abitante.

Maglie nere - Campioni in negativo per le perdite di rete sono le isole (48,3% di dispersione) e il centro-sud. Il plauso dell'Istat va ad Abruzzo e Puglia che, è riportato, ½hanno sanato situazioni critiche". Peggioramento al nord, escludendo la Valle d'Aosta a parte (nel nord-ovest la dispersione più bassa al 30%). Non va meglio con il capitolo depurazione, che parla dell'esistenza di 18.876 impianti per le acque reflue urbane, di cui 18.162 in esercizio, 545 non in esercizio e 79 in corso di realizzazione o ristrutturazione (32 al sud).

La peggior capacità depurativa si vede in Sicilia e Friuli-Venezia Giulia. Nei depuratori delle regioni del Nord finisce il 57,6% degli inquinanti di origine civile Nei depuratori delle regioni del Nord finisce il 57,6% degli inquinanti di origine civile.

http://www.ambienteambienti.com/riflettiamo-sul-sociale/2014/07/news/ok-20-luglio-viaggio-nellitalia-degli-sprechi-buttato-il-40-dellacqua-120440.html

Forbes incorona Robert Downey Jr. attore più pagato del 2014

Autore: Redazione MTV News Data: 23 luglio 2014 Commenta
Forbes incorona Robert Downey Jr. attore più pagato del 2014

La star di Iron Man ha guadagnato 75 milioni di dollari

Roma, 23 lug. (TMNews) - Robert Downey Jr., protagonista di Iron Man e The Avangers è per Forbes l'attore più pagato nel 2014. La quarantanovenne star di New York ha guadagnato, secondo la rivista specializzata, 75 milioni di dollari dal giugno 2013 al giugno 2014. Ed il prossimo "Avengers: Age of Ultron" accrescerà sicuramente il suo patrimonio. Soldi ben pagati se è vero che Iron Man 3 ha quadagnato oltre 1,2 miliardi di dollari.

Si ferma, si fa per dire, a 52 milioni di dollari Dwayne Johnson che, abbandonati i giorni del wrestling ha raggiunto il successo con "G.I. Joe" e "Fast and Furious,". Per il 2015 lo aspetta il ruolo di Ercole. Bradley Cooper è ai piedi del podio con 46 milioni di dollari. A seguire Leonardo DiCaprio (39 mln), Chris Hemsworth (37), Liam Neeson (36), Ben Affleck (35), Christian Bale (35), Will Smith (32) e Mark Wahlberg (32).

http://www.forbes.com/video/3647181679001/

La storia di Selene

Autore: Redazione MTV News Data: 22 luglio 2014 Commenta

Selene vive ad Ostia, fa l’estetista e vorrebbe aprire un salone tutto suo. Aiuta il suo fidanzato che gestisce il più grande skate park d’Italia, “The Spot”, situato nella zona di Piazza Gasparri e costruito per levare dalla strada i ragazzi della periferia. Al “The Spot” si praticano roller, bmx, basket, graffiti, break dance

 

 

Immigrati, tragedia nel Canale di Sicilia: "Almeno 181 i morti"

Autore: Redazione MTV News Data: 22 luglio 2014 Commenta
Immigrati, tragedia nel Canale di Sicilia: Almeno 181 i morti

Naufrago: "Sull'imbarcazione eravamo 750 persone"

Milano, 22 lug. (TMNews) - Potrebbe essere molto più pesante il bilancio della tragedia del Canale di Sicilia costata la vita sabato scorso a 30 migranti provenienti dal nord Africa.

Stando ai racconti dei superstiti sbarcati a Messina, e ripresi da "Repubblica.it", infatti, a bordo del barcone intercettato dal mercantile danese "Torm Lottead" ad una sessantina di miglia a Sud di Lampedusa, si trovavano 750 persone, 181 delle quali inghiottite dal mare durante la traversata.

Sempre secondo quanto riferito dai migranti, tra le vittime ci sarebbero state anche molte donne e bambini. Al momento comunque non risulta avviata nessuna inchiesta, e il bilancio ufficiale della tragedia resta di 30 morti; 29 uccisi dalle esalazioni di gas di scarico nella stiva della piccola imbarcazione, e una deceduta durante il trasferimento in ospedale.

Non è la prima volta che i migranti riferiscono di sfortunati compagni di viaggio morti durante la traversata. Appena due giorni fa, infatti, 62 extracomunitari salvati da un mercantile di fronte alle coste libiche hanno riferito di essere stati almeno il doppio su un barcone che sarebbe affondato poco prima dell'arrivo dei soccorsi.

http://www.cri.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/22986

Calendario